Giovedì, 18 Luglio 2024
Ennesimo episodio di violenza / Barriera Vecchia - Città Vecchia / Piazza Venezia

Colpito alle spalle, sviene e finisce a Cattinara: ancora violenza tra giovani

L'episodio è avvenuto nella notte dell'11 novembre nella zona non distante da piazza Venezia. Protagonisti due gruppi di ragazzi. Un diciannovenne è stato colpito con un tirapugni e aggredito con calci. Gli aggressori sarebbero già stati individuati. La madre della vittima: "Speriamo che la giustizia sia veloce e severa. Questi ragazzi pensano che le cose rimangono impunite, ma non è così"

TRIESTE - Una maschera di sangue, denti rotti e segni dell'aggressione su diversi punti del corpo. La storia è quella di un ragazzo di 19 anni che nella notte dell'11 novembre è finito al pronto soccorso dell'ospedale di Cattinara, dopo essere stato colpito alla testa con un tirapugni. Secondo quanto riferito ai carabinieri di via Hermet - che indagano sull'ennesimo episodio di violenza in centro -, il giovane sarebbe stato aggredito alle spalle con un unico pugno sulle rive, poco distante da piazza Venezia. Il colpo sferrato dall'aggressore è bastato per farlo cadere a terra. Il diciannovenne è svenuto quasi subito. Una volta a terra, come dalle testimonianze degli amici del diciannovenne, alla violenza dell'aggressore si sarebbe sommata quella di altri ragazzini, che avrebbero preso a calci il malcapitato. Il gruppo di aggressori, subito dopo il fattaccio, è fuggito. Secondo una prima ricostruzione, il parapiglia sarebbe nato da una discussione tra i due gruppi, con ogni probabilità per futili motivi e già emersi la sera precedente. 

Sul posto i militari dell'Arma e i sanitari del 118 che hanno trasportato il diciannovenne all'ospedale, dove le ferite sono state dichiarate guaribili in sette giorni. "Voglio che questi ragazzi giovanissimi capiscano che è giusto denunciare fatti del genere, anche perché così chi si macchia di episodi simili sappia che ora la macchina della giustizia si muoverà e saranno guai" così la madre della vittima. "Sono minorenni - chiarisce la madre - e devono capire che certe cose non si passano lisce. Mi chiedo anche quali sono le sensazioni che accompagnano le famiglie di questi ragazzini, dopo fatti simili". I carabinieri confermano l'accaduto, ma sulla vicenda mantengono il massimo riserbo. Il giovane presunto responsabile dell'aggressione, come pure altri membri della baby gang, sarebbero già stati individuati. "Spero che anche il sindaco si renda conto che non si può avere paura di mandare i propri figli in giro. Quando sono arrivata al pronto soccorso c'era sangue dappertutto. Ora speriamo la giustizia faccia il suo corso e sia veloce e severa". 

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Colpito alle spalle, sviene e finisce a Cattinara: ancora violenza tra giovani
TriestePrima è in caricamento