menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay

Ferriera, rilasciata l'AIA di "nuova generazione"

Vincoli stringenti alle singole emissioni, fissazione di valori-obiettivo da raggiungere e la possibilità di rivedere ogni anno la Autorizzazione: se non saranno rispettati i più stringenti parametri ambientali verrà determinata una riduzione della produzione industriale

«È stata rilasciata alla Siderurgica Triestina un'Autorizzazione integrata ambientale di nuova generazione, che sostituisce la precedente - si legge in un comunicato dell'agenzia regionale -: vincoli stringenti alle singole emissioni (determinati in base alle migliori tecnologie disponibili), fissazione di valori-obiettivo da raggiungere e la possibilità di rivedere ogni anno la Autorizzazione, in base al raggiungimento degli obiettivi fissati. Inoltre, se non saranno rispettati i più stringenti parametri ambientali, da oggi adottati, verrà determinata una riduzione della produzione industriale».

In considerazione dell'adozione - prevista per la prima volta - della "Valutazione di impatto sulla Salute"(Vis), alla proprietà vengono imposte prescrizioni più rigorose e significative. Agli interventi strutturali in atto nell'impianto siderurgico dovranno corrispondere nella stazione di monitoraggio dell'Arpa, l'Agenzia regionale per l'Ambiente, posizionata a San Lorenzo in Selva, dei valori soglia di qualità dell'aria (Pm10) non superiori a 40 microgrammi per metrocubo (µg/m3) come media sui 12 mesi precedenti e 70 µg/m3 come media delle 24 ore da non superare più di 35 volte sempre nei 12 mesi precedenti, mentre l'individuazione del benzopirene è posta a 1 nanogrammo per metrocubo (ng/m3) quale media sui 12 mesi precedenti.

Inoltre, nei punti di monitoraggio delle deposizioni al suolo lungo il perimetro della ferriera ("Portineria operai" e "Palazzina Qualità") viene posto un obiettivo di polverosità su base mensile non superiore a 500 milligrammi per metroquadrato al giorno (mg/m2/giorno). Nelle altre stazioni di rilevamento (di via Pitacco, via Carpineto, zona via Cesare Rossi e di via Ponticello 54) il limite mensile di polverosità è fissato a 250 mg/m2/giorno e quello medio sui 12 mesi a 140 mg/m2/giorno.

Tutti questi valori-obiettivo, viene prescritto nel rilascio dell'Aia allo stabilimento, saranno verificati e aggiornati già nel 2017, nonostante l'Autorizzazione venga rilasciata per un periodo di dieci anni, così come impone la legge.

All'azienda è inoltre indicato di produrre uno studio per la cosiddetta caratterizzazione, cioè la determinazione, delle principali sorgenti di odori presenti nell'impianto e per la valutazione dell'impatto olfattivo (accanto alla nuova installazione di una pompa per il prelievo di campioni di aria, "da analizzare in olfattometria dinamica", riconosciuto dalla Ue come metodo ufficiale per il riconoscimento della concentrazione di odori in campioni gassosi), nonché uno piano di risanamento acustico nell'arco di due anni e mezzo.

Il lavoro istruttorio, al rilascio dell'Aia, da parte della Conferenza dei servizi si è sviluppato nell'ambito di otto sedute, tra giugno e dicembre 2015, con la partecipazione della Regione e di Arpa FVG, della Provincia e del Comune di Trieste, dell'Azienda per l'assistenza sanitaria n.1 "Triestina", dei vigili del Fuoco, dell'Acegas e (senza diritto di voto) della proprietà: i rappresentati di Regione, Provincia e Comune hanno approvato all'unanimità la Relazione Istruttoria. Con questo provvedimento è previsto un forte impegno di Regione ed Arpa nell'attività di monitoraggio e controllo.

Argomenti
Condividi
In Evidenza
social

Fondo Ambiente Italiano: eletto il luogo più bello d'Italia

social

Il Monviso fotografato da 270 chilometri: la foto è subito virale

Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

TriestePrima è in caricamento