menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay

Alcolismo: 2000 ricoverati ogni anno per motivi legati all'alcol

In un anno sono 2mila i posti letto che vengono occupati nel sistema sanitario del Friuli Venezia Giulia a causa di problemi alcol correlati. Il tasso di ospedalizzazione per diagnosi legate all'assunzione di alcol è tra i più alti d'Italia

Il dato è stato ribadito in occasione del 22° incontro delle famiglie delle quattro Acat-Associazioni club alcolisti in trattamento della Bassa Friulana che raccolgono in tutto 25 Club e che si è tenuto questa sera a Corgnolo di Porpetto, alla presenza dell'assessore alle Politiche sociali Maria Sandra Telesca.

Una problematica, quella dell'uso di alcol, che riguarda quindi migliaia di famiglie della regione e che l'amministrazione regionale - ha sottolineato Telesca - ha individuato come obiettivo strategico nel Piano regionale della prevenzione. «Per l'Amministrazione regionale il contrasto a tutti i comportamenti a rischio è una priorità assoluta», ha ribadito l'assessore.

«Ho ascoltato con grande attenzione e interesse le testimonianze e le relazioni che i membri delle Acat hanno condiviso con me e con tanti amministratori e dirigenti dell'Azienda sanitaria 2 Bassa Friulana Isontina. Questa sera porto a casa insegnamenti e due parole centrali: famiglia e sobrietà. Sono concetti alla base del nostro operare e che rappresentano un comune approccio nella presa in carico delle persone che hanno bisogno di aiuto. Credo quindi che insieme potremo migliorare il sistema e attuare quella rete che caratterizza il modo diverso di migliorare la salute delle persone», ha sottolineato Telesca, dando la più ampia disponibilità all'ascolto dell'esperienza pluriennale acquisita dal sistema delle Acat e alla ricerca di una collaborazione che possa garantire alle famiglie con problemi alcol correlati della regione il migliore supporto.

Nel corso della serata sono stati ricordati la nascita e il percorso che ha caratterizzato lo sviluppo dei club. Secondo l'approccio ecologico-sociale o metodologia Hudolin il bere è un comportamento a rischio e non una malattia, né psichica né somatica. I club quindi favoriscono la crescita e la maturazione di tutti i membri di una famiglia. Si tratta di un'attività territoriale, definibile come programma «di comunità».

È per questo che nel corso dell'incontro è emersa la necessità di rafforzare la collaborazione tra il sistema sanitario  regionale l'associazione regionale dei club degli alcolisti in trattamento. Telesca ha ascoltato le relazioni delle associazioni Sangiorgina, Latisanese, Cervignanese e Palmarina e le testimonanze di numerosi membri di club che si sono confrontati sul tema dell'incontro: «La famiglia che vive la sobrietà promuove la pace».

Introdotto e moderato dalla servitrice-insegnante dell'Acat Latisanese Debora Furlan, all'incontro sono intervenuti il sindaco di Porpetto Andrea Dri - presenti numerosi altri amministratori della Bassa Friulana e il presidente della Arcat regionale, Giovanni Marin.

Argomenti
Condividi
In Evidenza
social

"Brodo brustolà", antica ricetta della tradizione contadina triestina

Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

TriestePrima è in caricamento