menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay

Alcol bandito dal "Carnevale etico", Alex Bini: «Ormai siamo in pieno proibizionismo»

Il presidente De Gioia e il vicepresidente Zini: «Il Carnevale è prima di tutto una festa per i bambini». Vietate anche le sigarette per evitare che le parrucche si infiammino

«Come ogni anno porteremo i nostri 25 litri di vino bianco e 25 litri di vino rosso da offrire nel corso della sfilata, oltre alla nostra griglia e i 40 chili di carne che cucineremo per poi offrirla ai bambini da piazza Oberdan a piazza Unità». Dopo le vittorie («8 o 9 non ricordo bene») Alex Bini, leader dell'omonimo gruppo del Carnevale, non intende cambiare il copione, anche andando contro «il "Carnevale etico" istituito quest'anno. Che vuol dire? Nessuno lo sa, ma in sostanza è stato vietato di portare alcolici in sfilata. Ormai siamo in pieno proibizionismo».

Bini, che quest'anno con il suo gruppo presenta il tema "Pedocin" con tanto di muro, afferma che «è giusto punire chi esagera, io stesso qualche anno fa ho eliminato mio fratello perchè è arrivato ubriaco alla fine della sfilata... ma è Carnevale, anche questo fa parte dei festeggiamenti: di questo passo ci toccherà bere con la bottiglia nel cartoccio».

Roberto De Gioia, presidente del Comitato di coordinamento per il Carnevale di Trieste e del Palio cittadino spiega che «si è occupato il nostro vicepresidente del Regolamento, ma a occhio mi pare una cosa sensata, perchè si tratta di un Carnevale dove ci sono e ci seguono un sacco di bambini, sarebbe buona pratica limitarsi in queste manifestazioni per evitare di uscire dalle righe. In passato ci siamo sempre affidati al buon senso delle persone». 

«La sfilata è fatta per i bambini in tutto il mondo, solo dopo ci sono gli adulti», ribadisce Paolo Zini, vicepresidente del Comitato: «Non abbiamo neanche minimamente pensato a loro (al gruppo di Alex Bini, ndr), ma l'anno scorso alcuni giudici lungo il percorso hanno segnalato alcuni gruppi dei rioni che sono partiti e arrivati con lattine di birra in mano, prendendone ai carri in continuo durante la sfilata, invece di festeggiare e offrire magari cibo ai bambini».

«Altre all'alcol sarà bandito anche il fumo - conclude Zini -, questa volta per motivi di sicurezza perchè in particolare le parrucche dei partecipanti sono altamente infiammabili: chi verrà sorpreso a fumare e/o bere verrà penalizzato nella classifica e c'è il rischio che la sanzione venga comminata poi a tutto il gruppo».

Argomenti
Condividi
In Evidenza
social

Cosa non regalare mai per la Festa della mamma e perché

social

Festa della mamma: consigli e idee regalo

Ultime di Oggi
  • Cronaca

    Fedriga: "Non fossilizziamoci sul coprifuoco, riaprire in massima sicurezza"

  • Cronaca

    Appartamento "centrale di spaccio" in piazza Foraggi: arrestato 36enne

  • Cronaca

    Turismo: da metà maggio arriva il green pass per viaggiare in Italia

Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

TriestePrima è in caricamento