Allagamenti, il Sindaco: «Accadono 2-3 volte all'anno a causa di forte pioggia, vento e alta marea»

Lo rileva il sindaco Roberto Cosolini in un post pubblicato sulla sua pagina facebook: «Ieri abbiamo stanziato 50.000 € per le aziende e attività commerciali che lo scorso ottobre hanno subito danni e non hanno ottenuto l'indennizzo dalla Regione»

Foto Gianluca Wolf

«L'ACQUA ALTA A TRIESTE NON È CAUSATA DALLA PULIZIA DELLE CADITOIE come qualcuno vuol farvi credere allo scopo di criticare l'amministrazione.
Prova ne è il fatto che, avendo saputo dalle previsioni meteo delle probabili precipitazioni straordinarie, nei giorni scorsi abbiamo chiesto ad ACEGAS di effettuare una manutenzione straordinaria delle caditoie, delle griglie e dei chiusini.
Nonostante dunque gli ordinari, e poi anche gli straordinari, interventi alla rete fognaria, alcune zone critiche si allagano comunque.
Un'altra prova del fatto che gli allagamenti non sono causati dagli interventi di pulizia delle caditoie è che, terminata la pioggia, l'acqua è defluita rapidamente: un'ora dopo la situazione era tornata alla normalità».

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

Lo rileva il sindaco Roberto Cosolini in un post pubblicato sulla sua pagina facebook. 

«MA ALLORA QUAL È LA CAUSA DELL'ACQUA ALTA A TRIESTE?
Da sempre - continua - , 2 o 3 volte all'anno la combinazione simultanea di alcuni fattori (forte pioggia, vento e alta marea) impedisce all'acqua di defluire.
Questa mattina ad esempio, fra le 9:00 e le 11:30 sono caduti 34,6mm di pioggia sommati al picco dell'alta marea (2,095 m), che è penetrata nelle condotte fognarie impedendo il deflusso regolare della pioggia, e il Maestrale, che ha ulteriormente sovraccaricato il sistema.
In questa situazione, in certe zone della città, come le rive o il Borgo Teresiano che ha molti edifici sotto il livello del mare, si verificano degli allagamenti».

«COME SI AFFRONTA IL PROBLEMA?
Le cose - spiega il sindaco -  giuste da fare, per affrontare responsabilmente il problema, sono:
- continuare a mantenere pulito e funzionante l'impianto fognario, come abbiamo sempre fatto in questi anni;
- dopo ogni evento assicurarsi che il sistema sia tornato in funzione (il sopralluogo di stamattina, quando la situazione era tornata alla completa normalità, ha evidenziato il perfetto funzionamento delle caditoie e rispettivi collettori fognari);
- allertare la protezione civile, i vigili del fuoco e la polizia locale affinché i disagi siano minimi e sia invece massima la sicurezza di ogni cittadino.

Anche i cittadini possono fare la loro parte, facendo attenzione a non buttare sigarette, carte o altri oggetti dentro le caditoie. Perché la città è un bene di tutti e tutti possono contribuire alla sua bellezza con la loro cura quotidiana».

«UN'ALTRA COSA IMPORTANTE È SOSTENERE GLI IMPRENDITORI NEL MOMENTO DEL BISOGNO
Per questo - conclude -  ieri abbiamo stanziato 50.000 € per le aziende e attività commerciali che lo scorso ottobre hanno subito danni e non hanno ottenuto l'indennizzo dalla Regione

E proprio alla Regione rivolgo un appello affinché ripristini il capitolo per risarcire chi subisce danni a causa delle alluvioni, sia per l'anno 2014 sia per eventuali danneggiamenti subiti nella mattinata di oggi».

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Violento nubifragio sulla città, ai Vigili del fuoco raffica di richieste d'aiuto

  • Fotografa i bambini e poi scappa su un’auto blu: la segnalazione parte dal Carso

  • Rifiuta le sue avances e lui le sputa addosso: sconcerto in piazza Libertà

  • Blitz di CasaPound in Consiglio sull'immigrazione, consigliere leghista: "Ai migranti sparerei"

  • Covid-19: quattro nuovi casi in Fvg, salgono i ricoverati in terapia intensiva

  • A Trieste "rischio" riammissioni in Slovenia, ecco perché i migranti arrivano a Udine

Torna su
Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...
TriestePrima è in caricamento