Martedì, 21 Settembre 2021
Cronaca

Allarme Cinghiali sul Carso: «Aumentano del 300% ogni anno»

Igor Gabrovec, consigliere regionale PD-Ssk, ha denunciato che l'emergenza cinghiali si sta aggravando e ogni intervento per un loro contenimento si è dimostrato assolutamente inadeguato «La normativa attuale - riflette il consigliere...

Igor Gabrovec, consigliere regionale PD-Ssk, ha denunciato che l'emergenza cinghiali si sta aggravando e ogni intervento per un loro contenimento si è dimostrato assolutamente inadeguato

«La normativa attuale - riflette il consigliere espressione della Slovenska skupnost - lascia le Province da sole e queste non sono in grado di affrontare il problema, così come risulta decisamente insufficiente, seppur negli anni incrementato, il numero di capi abbattuti nelle singole riserve di caccia. Tutto il Carso triestino e il Collio goriziano sembrano trasformati in un vero e proprio allevamento di cinghiali allo stato brado, con incrementi della popolazione nell'ordine del 300% annuo. Nemmeno le barriere meccaniche (recinzioni metalliche ed elettriche) risolvono adeguatamente il problema, anche in considerazione degli alti costi per la loro apposizione e manutenzione e per il fatto che gli appezzamenti fondiari in queste zone sono molto frazionati e spesso di piccole dimensioni».

«L'entità degli indennizzi previsti è irrisoria e soprattutto non può risolvere il problema alla radice - prosegue Gabrovec -. Dobbiamo sostenere gli agricoltori nel loro fondamentale diritto al lavoro e nella soddisfazione di poter arrivare a un raccolto dopo mesi di sforzi e investimenti. Già a luglio del 2011 il Consiglio regionale, su mia iniziativa, impegnava la Giunta Tondo a predisporre una proposta di modifica della normativa. Prendendo a esempio la legislazione in materia nella vicina Slovenia, che viene considerata sotto molti aspetti maggiormente efficace nel perseguire l'obiettivo del contenimento della fauna degli ungulati, e considerando le proposte che sono emerse nel corso dei "tavoli verdi" convocati dalle amministrazioni provinciali di Trieste e Gorizia, il documento proponeva di ampliare per legge i periodi e gli orari di caccia e quindi controllare con maggior efficacia l'esplosione demografica degli ungulati».

«Avevamo chiesto all'Esecutivo regionale di sostenere la creazione di un macello, ovvero di un centro lavorazione carni dedicato alla selvaggina. Tale struttura potrebbe essere organizzata e gestita in comune tra le due province di Trieste e Gorizia e permetterebbe innanzitutto di non gettare ai grifoni o nell'inceneritore (con relativi costi) le carcasse dei cinghiali abbattuti nei pressi dei centri abitati dalla polizia provinciale. Tale centro - sostiene il vicepresidente del Consiglio regionale - sarebbe ovviamente utile anche ai cacciatori per la lavorazione delle carni dei capi di selvaggina abbattuti, favorendo lo sviluppo e le diffusione di prodotti alimentari locali derivanti dalla lavorazione delle carni selvatiche. Sono proposte, tutte inevase, che intendo avanzare al nuovo assessore competente, Sergio Bolzonello, dopo Ferragosto».

Foto torre.elena-Flickr

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Allarme Cinghiali sul Carso: «Aumentano del 300% ogni anno»

TriestePrima è in caricamento