Un cofanetto di cinque storie illustrate per sostenere Azzurra Trieste

La collana di fiabe originali illustrate “Le Storie di Zia Amarena che cambiano il mondo” è stata illustrata dalla Società cooperativa AMA CRAI EST

Nota - Questo comunicato è stato pubblicato integralmente come contributo esterno. Questo contenuto non è pertanto un articolo prodotto dalla redazione di TriestePrima

Un progetto nato nel periodo del lockdown per aiutare le famiglie a vivere insieme dei tempi distesi, divertenti a rilassanti, alleggerendo le tensioni di bimbi e genitori. Questa l’ispirazione che ha portato la Società cooperativa AMA CRAI EST a realizzare la collana di fiabe originali illustrate “Le Storie di Zia Amarena che cambiano il mondo”, dal mese di dicembre reperibile in un cofanetto nei punti vendita del Friuli Venezia Giulia e di quattro altre regioni. Un’operazione pensata interamente per i più piccoli e che vede AMA CRAI devolvere in beneficienza per ogni volume venduto un euro, destinandolo all’associazione friulana malattie rare Azzurra di Trieste e dando così sostegno alle famiglie con figli affetti da patologie rare e ospedalizzati. Associazione Malattie Rare Azzurra di Trieste, fondata nel 2000, ha come obiettivo quello di facilitare la diagnosi e la cura delle malattie rare, che rappresentano almeno il 10% del carico complessivo di malattia nella popolazione. Collabora con l’Istituto Burlo Garofolo di Trieste finanziando progetti di ricerca, acquistando strumentazione che migliora la qualità dell’assistenza e rende più agevole il percorso diagnostico, elargisce borse di studio per giovani ricercatori impegnati nel settore delle malattie rare. Grazie all’attività dell’Associazione si realizzano inoltre servizi alle famiglie dei pazienti affetti da patologie rare, dalle cure odontoiatriche alla musicoterapia, dalla riabilitazione al pronto soccorso. Questa è l’importante realtà del terzo settore identificata da AMA CRAI nel Friuli Venezia Giulia alla quale sarà devoluto parte del ricavato dalla vendita delle storie inedite.

Le fiabe, realizzate nel corso di questo difficile periodo di emergenza sanitaria e di scarsità di relazioni sociali, vogliono trasmettere valori fondamentali di rispetto e convivenza e contribuire a un cambiamento in meglio, dentro e fuori le mura domestiche. Ovvero alla vita delle famiglie dei piccoli lettori, che possano così ritrovare dei momenti di serenità, e per quelle famiglie seguite dalle associazioni di volontariato. L’ISOLA DEI PIUMOSI Capirsi, oltre le apparenze; L’HO IMPARATO SUI LIBRI, L’amicizia è esperienza; BAU UNA GIOIA Il cambiamento è arricchimento!, IL FRIGO SCAMBIAPIATTO Conoscere la diversità per imparare ad apprezzare tutto; I TALENTI DI MARA Condividere, per non smettere mai di imparare; sono i titoli dei cinque volumi usciti da settembre, uno ogni 15 giorni, e ora raccolti in un cofanetto che AMA CRAI distribuisce in ciascuno dei suoi punti vendita del territorio e che propone anche come regalo natalizio. Un dono per i più piccoli, per i loro genitori e altresì un contributo importante per chi a titolo gratuito fa del bene a coloro che vivono le difficoltà della malattia in età infantile. “Siamo lavoratori e genitori, e nei mesi del lockdown abbiamo vissuto le tensioni che si sono riversate all’interno delle nostre famiglie… e allora ci è venuta in mente questa idea.

Cosa meglio della lettura di una fiaba può creare un momento di dolcezza, di serenità, di relazione tra genitori e figli – ha detto Gianfranco Scola, direttore generale di AMA CRAI EST società della Grande Distribuzione Organizzata –. Pertanto abbiamo commissionato la realizzazione di queste 5 storie che portano con sé messaggi importanti. Però non ci siamo fermati lì – ha aggiunto Scola –. Siamo un settore che aL contrario di altri non ha particolarmente sofferto gli effetti economici causati dall’emergenza sanitaria e dalle restrizioni per il contenimento dell’epidemia, così ci siamo sentiti in dovere di fare qualcosa: abbiamo identificato un’associazione che sostenga le famiglie con bambini malati e ospedalizzati. Ad Azzurra andrà parte del ricavato dalla vendita dei volumi e ora del cofanetto che racchiude tutta la collana. Siamo contenti di fare questo dono, proprio ora che le feste si avvicinano, e di contribuire così all’attività importante di volontariato che svolgono queste realtà del territorio”.

Torna su
TriestePrima è in caricamento