menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay
Foto e Video Enrico Ferri

Foto e Video Enrico Ferri

Amatriciana solidale, dalla scuola "Rodari" 1700 euro per Amatrice (FOTO e VIDEO)

Splendida iniziativa da parte della scuola primaria "Gianni Rodari" di Trieste con un'amatriciana solidale che ha permesso di raccogliere 1700 euro da devolvere in beneficenza alla scuola di Amatrice

Piccoli chef per un giorno i 145 alunni della scuola primaria "Gianni Rodari" di Trieste che oggi, sabato 15 ottobre, insieme a genitori e due chef professionisti hanno cucinato e servito 300 porzioni di un'ottima amatriciana raccogliendo ben 1.700 euro. La somma sarà devoluta alla scuola di Amatrice drammaticamente colpita dal recente terremoto.

Le insegnanti e gli alunni della primaria “Gianni Rodari” di Trieste hanno dimostrato così la loro solidarietà alla scuola di Amatrice, duramente colpita dal terremoto dello scorso 24 agosto con un pranzo molto speciale che ha avuto luogo a partire dalle 12.30 di oggi, in orario extrascolastico, nei locali messi generosamente a disposizione dal titolare della pizzeria “Al Golosone” di via Costalunga.

I bambini hanno offerto ai genitori una pasta con il sugo all'amatriciana da loro preparata, con un piccolo aiuto da parte dello chef Riccardo Knez, Chef Riccardo Knez-2padre di due scolari e Edoardo Biagiotti, altro chef che svolge laboratori di cucina proprio nella scuola Rodari. L'offerta per il succulento piatto di amatriciana è stata libera, ma tutti si sono dimostrati molto generosi considerando la cifra raccolta che sarà devoluta interamente alla scuola primaria di Amatrice.

Laura Billi e Ariella Maicus-2«Abbiamo proposto alle famiglie questo pranzo con l'obiettivo di far vivere ai bambini la solidarietà in prima persona, per dimostrare che aiutare concretamente si può e perché questo tragico evento non rimanesse solo una storia da guardare al telegiornale. Abbiamo ricevuto una risposta davvero calorosa da bambini e genitori che si sono messi in prima linea per aiutarci a organizzare l'evento», spiega la maestra Ariella Maicus, referente del plesso Rodari, «inoltre le aziende del territorio hanno risposto in maniera davvero generosa donandoci le materie prime per preparare la ricetta».

La maestra Laura Billi, felice e soddisfatta per l'iniziativa: «Dobbiamo ringraziare in primissimo luogo i meravigliosi bambini che hanno partecipato, ma anche gli chef che li hanno aiutati e le ditte che hanno fornito i locali e tutte le materie prime necessarie, in modo da rendere questa iniziativa a costo zero».

Una squadra della solidarietà dunque, che ha coinvolto bambini, insegnanti, famiglie e aziende locali: la pizzeria “Al GolosoneTitolari pizzeria "Al Golosone"-2 ha messo a disposizione l'intero locale per il pranzo, la Coop ha donato pelati e acqua, la Despar il pecorino, la Parovel l'olio d’oliva, il Famila la pasta e la macelleria Remo di via Puccini tutto il guanciale necessario alla preparazione della ricetta. Inoltre i due chef professionisti Edoardo Biagiotti e Riaccardo Knez si sono alternati per formare e aiutare i bambini nella preparazione della ricetta.

L'iniziativa è stata patrocinata da Slow Food e ha permesso anche di raccontare ai bambini il percorso del cibo dalla filiera produttiva alle nostre tavole, spiegando il grande valore della cultura enogastronomica italiana.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

Argomenti
Condividi
In Evidenza
social

"Brodo brustolà", antica ricetta della tradizione contadina triestina

Ultime di Oggi
  • Cronaca

    Covid: 277 casi e sette decessi, calano ricoveri e isolamenti

  • Cronaca

    Ristori per far fronte alla crisi, le osmize riceveranno 700 euro

Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

TriestePrima è in caricamento