menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay

Ambiente, Fincantieri: prima procedura Aia per il cantiere navale di Monfalcone

Fincantieri ha richiesto l'Aia alla Regione in quanto l'azienda stava per raggiungere i limiti previsti dalla legge per l'uso dei solventi. Superata la soglia, infatti, diventa obbligatorio per il titolare dell'impianto munirsi dell'autorizzazione che sostituisce i singoli via libera settoriali

Il cantiere navale di Monfalcone si sottoporrà per la prima volta alla procedura di Aia, l'Autorizzazione integrata ambientale, con l'obiettivo di rendere maggiormente compatibile l'attività produttiva con la qualità della vita della popolazione residente in città.

È quanto emerso oggi dalla seconda conferenza dei servizi, svoltasi negli uffici di Trieste della direzione regionale Ambiente, dedicata all'Aia richiesta da Fincantieri Spa per l'insediamento monfalconese.

Al termine della riunione, durante la quale sono state affrontate le questioni relative agli scarichi, alle emissioni in atmosfera, al rumore e ai rifiuti, la conferenza ha deciso di riaggiornare i propri lavori per una terza seduta, che potrebbe essere quella conclusiva, a seguito della quale il direttore del servizio Tutela dall'inquinamento atmosferico della Regione adotterà il provvedimento di autorizzazione.

Va ricordato che Fincantieri ha richiesto l'Aia alla Regione in quanto l'azienda stava per raggiungere i limiti previsti dalla legge per l'uso dei solventi. Superata la soglia, infatti, diventa obbligatorio per il titolare dell'impianto munirsi dell'autorizzazione che sostituisce i singoli via libera settoriali.

Il rilascio dell'Aia, soprattutto per un impianto delle dimensioni del cantiere navale di Monfalcone, prevede un lungo ed articolato procedimento che vede coinvolti gli uffici regionali e tutte le amministrazioni pubbliche che abbiano competenze in materia ambientale. Nel corso dell'iter procedurale, iniziato lo scorso febbraio, devono essere infatti studiate e risolte le specifiche tematiche relative all'impatto generato dall'insediamento.

Peraltro, a fronte dell'impegno richiesto, l'Aia costituisce uno strumento molto più efficace per la gestione di attività industriali complesse. Ad esempio, le prescrizioni contenute nell'Aia fanno riferimento alle cosiddette Bat (Best available techniques), ossia alle migliori tecnologie disponibili. In buona sostanza, i limiti imposti sono quelli che si possono rispettare applicando all'impianto le tecnologie maggiormente all'avanguardia esistenti nel mondo.

Nella stessa Aia è contenuto il piano di monitoraggio per valutare l'efficacia delle prescrizioni imposte, sono previsti i controlli che verranno effettuati e le relative scadenze e vengono definiti anche gli autocontrolli rimessi al titolare dell'impianto. Senza considerare, infine, che l'Aia è un'autorizzazione dinamica che viene costantemente riesaminata ed aggiornata alla luce dei progressi tecnici.

Alla conferenza dei servizi odierna, oltre alla Regione, hanno partecipato il vicesindaco di Monfalcone, Giuseppe Nicoli, con l'assessore all'Ambiente, Sabina Cauci, e i rappresentanti dell'Agenzia regionale per l'ambiente (Arpa), dell'Azienda per l'Assistenza sanitaria 2 e della Fincantieri.

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Arredare

Appartamento piccolo? I segreti per farlo sembrare più grande

Alimentazione

Utensili e stampi da forno in silicone: rischi per la salute

social

Il Monviso fotografato da 270 chilometri: la foto è subito virale

Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
  • Veicoli Commerciali

    Mezzi pesanti: regole e limiti di velocità

  • Scuola

    Metodo di studio: i consigli per memorizzare in poco tempo

Torna su

Canali

TriestePrima è in caricamento