L'Anpi mette CasaPound nel mirino: "Stiamo raccogliendo materiale per un dossier"

"I fatti della scorsa notte - ha affermato il presidente provinciale Fabio Vallon -andranno ad arricchire il cospicuo dossier che stiamo raccogliendo a livello nazionale da parecchio tempo". L'uscita definita "vergognosa"

L'Associazione Nazionale Partigiani d'Italia sta raccogliendo materiale su CasaPound per costruire un vero e proprio "dossier" che viene definito "già cospicuo". La decisione di procedere con questa "operazione" da parte nazionale, e che va avanti da "parecchio tempo", è stata confermata anche dal presidente provinciale della stessa associazione, Fabio Vallon, intervenuto oggi pomeriggio a Opicina alla commemorazione del 78esimo anniversario della fucilazione dei cinque antifascisti presi di mira dal partito neofascista nel blitz di venerdì notte. 

"Chiediamo lo scioglimento di CasaPound"

Fabio Vallon ha ribadito la richiesta di "scioglimento di CasaPound" annunciata attraverrso una nota stampa nella giornata di ieri 14 dicembre, affermando la volontà di andare "per vie legali". "I fatti della scorsa notte - ha aggiunto il numero uno dell'Anpi di Trieste - andranno ad arricchire il cospicuo dossier che stiamo raccogliendo a livello nazionale da parecchio tempo. Quest'ultima uscita credo sia quasi la ciliegina sulla torta perché tutto si può dire meno che fosse stata una sentenza giusta e legittima". 

La cronaca della commemorazione, leggi la notizia

"Questa volta l'hanno fatta grossa. Citare nel manifesto i capi d'accusa del Tribunale Speciale e parlare di giusta e legittima sentenza credo sia a tutti gli effetti apologia del fascismo". 

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Rischio zona rossa, ecco l'ordinanza Fvg: no caffè fuori dai bar e stop ad allenamenti

  • Covid, morire a 45 anni: il pizzaiolo Abbas lascia cinque figli e la moglie

  • Il Friuli Venezia Giulia rischia la zona rossa

  • Dinner cancelling: come funziona la dieta seguita da Fiorello per dimagrire

  • Caffè, asporto e consumo su suolo pubblico: i chiarimenti sull'ordinanza

  • La Regione valuta la stretta: nel mirino il caffè fuori dai bar e le cene tra amici

Torna su
TriestePrima è in caricamento