Lunedì, 27 Settembre 2021
Cronaca

Anteprima - Il nuovo Polo Tecnologico dell'Ospedale Maggiore: le foto

17.31 - Una prima panoramica della struttura costruita con le più moderne tecniche costruttive e che vanta sistemi tecnologici all'avanguardia

Il nuovo Polo Tecnologico dell’Ospedale Maggiore è un’opera di circa 6000 mq che si colloca nelle aree precedentemente occupate dalla lavanderia, dalla cucina, dai magazzini economali e dalla palazzina storica, sede degli uffici della direzione, del CUP e del vecchio centro prelievi.

Negli anni ‘80 la palazzina ospitava al 2° piano il teatro, sede di riunioni assembleari e ricorrenze conviviali (negli anni 60-70 in occasione delle festività il circolo ricreativo aziendale organizzava manifestazioni a favore di dipendenti e familiari, molto sentite e partecipate dagli operatori stessi ); successivamente in tale area presero corpo una serie di palestre riabilitative, la Clinica Odontoiatrica e Stomatologica e la Dialisi. Oggi nel Polo Tecnologico trovano collocazione servizi sanitari ad alta complessità tecnologica e organizzativa quali la Radiodiagnostica e la Radioterapia, il Pronto soccorso comprensivo di area di osservazione, camera calda e parcheggio interno per l’emergenza, la Terapia Intensiva, l’Area interventistica, quattro sale operatorie, una degenza multidipartimentale e vari ambulatori specialistici.

La costruzione rispecchia le più moderne tecniche costruttive, si presenta aerea, luminosa, spaziosa e ben si integra, nei colori e nelle forme, con l’impianto architettonico dello storico Ospedale Maggiore, cui è addossata. Il piano interrato è interamente dedicato alla Radioterapia, che dispone di spazi idonei a ospitare 2 acceleratori lineari (sono esistenti 3 bunker di cui 2 attivati e un destinato a futuri sviluppi ) e una sala destinata alla brachiterapia oltre ad ambienti necessari ad attività di supporto, tali da far fronte a circa 30.000 trattamenti annui. In questa Struttura saranno ospitate apparecchiature all’avanguardia per il trattamento dei tumori e per le quali attualmente sono ancora in corso le complesse verifiche di commissioning da parte dei Fisici Sanitari, terminate le quali sarà possibile effettuare i trattamenti nella nuova sede.

Al piano terra trovano ubicazione 4 sale operatorie, di cui 2 dedicate alla chirurgia ambulatoriale, una alla Clinica Oculistica e una alla Clinica Stomatologica. Sul piano è altresì presente la parte intensivistica e la Recovery Room (per Recovery Room si intende una struttura dedicata a pazienti che subiscono interventi delicati e necessitano di un’osservazione più accurata dopo l’intervento, ma non tale da richiedere una terapia intensiva) oltre agli spazi di supporto all’attività chirurgica e deputati alla decontaminazione del materiale chirurgico da sottoporre a sterilizzazione. In questa zona, in cui sono previsti circa 5.000 interventi chirurgici, opera un’equipe assistenziale unica di infermieri e di personale di supporto alle sale operatorie con competenze di strumentazione e di gestione di processi di lavoro relativi a tutte le tipologie di sale presenti. A tali sale afferiscono i chirurghi di tutte le branche specialistiche chirurgiche dell’Azienda Ospedaliero-Universitaria.

Al primo piano si collocano la Radiologia e il Pronto Soccorso/Centro prime cure. Gli spazi nuovi della Radiodiagnostica sono sviluppati in modo da consentire l’effettuazione di indagini di radiologia tradizionale, senologia, ecografia, TAC, Risonanza Magnetica con una previsione di circa 100.000 esami annui. La Radiodiagnostica è attualmente funzionante in tutte le sue sezioni al Polo Tecnologico e i pazienti già dal mese di febbraio effettuano le indagini radiologiche nella nuova sede . Nello stesso piano è prevista la collocazione del Pronto Soccorso/Centro prime cure, che comprenderà ambulatori per attività mediche e chirurgiche e spazi distinti per l’osservazione temporanea e la gestione protetta di pazienti.

Al secondo piano sono ubicate le degenze della Day Surgery, della Clinica Stomatologica e della Clinica Oculistica; le stanze sono a 2 letti con servizio e 1 stanza singola con servizio, per un totale di 29 posti letto. Grazie ad un processo di unificazione delle équipe assistenziali il reparto rimane aperto anche nei fine settimana e si possono effettuare gli interventi di Day Surgery più impegnativi. Accanto alle degenze trovano posto anche le poltrone per gli interventi di cataratta e i posti letto per pazienti che avessero necessità di Day Hospital di tipo medico. In tale piano sono altresì collocati gli ambulatori della Clinica Oculistica per la piccola chirurgia, gli ambulatori dell’Ortopedia, gli ambulatori per le visite anestesiologiche pre-intervento chirurgico.

Il Polo Tecnologico è raggiungibile dall’accesso di piazza Ospedale percorrendo il corridoio vetrato esterno o il percorso protetto nel piano interrato; dall’atrio principale del Polo gli ascensori conducono ai vari piani. Fino al trasloco del Pronto Soccorso nella nuova sede, rimane attiva la vecchia sede di via Pietà 2; successivamente sarà possibile per i pazienti che afferiscono al Pronto Soccorso col sistema 118 o con la propria auto, fermarsi nella nuova camera calda, il cui accesso è situato in via Gatteri.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Anteprima - Il nuovo Polo Tecnologico dell'Ospedale Maggiore: le foto

TriestePrima è in caricamento