menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay

Anziani sfrattati dal'Esercito: «Trattati come delinquenti»

Filippo Sturniolo potrà continua e a vivere nell’appartamento dove risiede tuttora in via Donadoni 23 in uno stabile che il ministero della difesa sta dismettendo con la moglie invalida, per un altro mese. Lo rileva Umberto Bosazzi in un servizio andato in onda nel Tg di Tele4

Filippo Sturniolo, ex-luogotenente dell'Esercito ora in pensione, potrà continua e a vivere  per un altro mese nell’appartamento, dove risiede tuttora con la moglie invalida, in via Donadoni 23 in uno stabile che il ministero della difesa sta dismettendo.

Lo rileva Umberto Bosazzi in un servizio andato in onda nel Tg di Tele4.

Decisiva è stata la telefonata ricevuta dal Ministro della Difesa Pinotti, che permetterà all’uomo di rimanere fino a fine ottobre nell’appartamento. Due anni fa l’uomo aveva deciso di rimanere in affitto nello stabile. A più riprese gli era stata offerta la possibilità di acquisto dei muri, sempre rifiutata a causa della mancanza di disponibilità economica.

Il 27 settembre scorso Sturniolo aveva presentato richiesta contro lo sfratto al Presidente della Repubblica, ma non aveva comunicato tale decisione al Comando Nord di Padova.

I militari si erano quindi presentati nello stabile per procedere allo sfratto, rassicurandolo dopo aver saputo dell’interessamento del Quirinale.

Ieri, nuovo tentativo di sfratto da parte dell’Esercito con l’uomo che ha chiesto una proroga di un mese per andare via dall’alloggio e cercarsi al contempo una nuova sistemazione per lui e la moglie.

Ieri mattina nella zona attigua l’appartamento la situazione è stata piuttosto incandescente, con i figli dell’uomo che hanno fatto quadrato attorno al proprio papà, chiedendo maggiore comprensione all’Esercito: quindi la decisione di posticipare lo sfratto di un mese.

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Salute

Controlli gratuiti per le donne: torna l'H-Open Week di Onda

social

Storie del territorio: perché il Friuli Venezia Giulia non è "il Friuli"

social

Risi e bisi: la ricetta

Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

TriestePrima è in caricamento