Una app per ripulire gli oceani dalla plastica: ecco l'idea di due studenti triestini

Più giochi, più aiuti gli oceani. Un modo per divertirsi e al contempo aiutare l'ambiente e fare qualcosa di concreto.

Si chiama Plastic Catchers ed è una app per ripulire gli oceani dalla plastica. Questa l’idea dei giovanissimi Leonardo Marcuzzi e Marco Mallardi, compagni di classe al Liceo Scientifico “Galileo Galilei” di Trieste. Il funzionamento è semplice: più giochi, più aiuti gli oceani. Infatti, i due giovani hanno deciso di veicolare tutti i guadagni della app ad una compagnia che si occupa proprio di rendere le nostre acque più pulite. Tutto è nato dall'amore per il mare che accomuna entrambi e dalla consapevolezza che i colorati e pieni di vita fondali emersi dai racconti dei genitori hanno lasciato spazio al grigio e al torbido. Una scelta che vuole anche responsabilizzare gli utenti che, divertendosi, potranno fare qualcosa di concreto. "Volevamo sfruttare la passione che abbiamo per lo sviluppo di videogiochi per fare qualcosa di utile - hanno dichiarato i due giovani -. Siamo sicuri che la nostra idea e la capacità di realizzarla ci daranno soddisfazioni e speriamo di riuscire a raccogliere anche il quantitativo di plastica presente in qualche migliaio di bottiglie da un litro e mezzo". Leonardo e Marco hanno avviato una raccolta fondi per le spese necessarie alla creazione del gioco quindi, chiunque volesse aiutarli e supportarli, può farlo andando sulla piattaforma "Gofundme" (link gofundme.com/plasticcatchers). "Siamo piuttosto soddisfatti riguardo l'andamento della campagna - concludono - anche se la maggior parte dei fondi è arrivata da locali e perciò stiamo aspettando che si sparga la voce al di fuori di Trieste per poter arrivare al nostro obiettivo".

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Rischio zona rossa, ecco l'ordinanza Fvg: no caffè fuori dai bar e stop ad allenamenti

  • Covid, morire a 45 anni: il pizzaiolo Abbas lascia cinque figli e la moglie

  • Il Friuli Venezia Giulia rischia la zona rossa

  • Dinner cancelling: come funziona la dieta seguita da Fiorello per dimagrire

  • Caffè, asporto e consumo su suolo pubblico: i chiarimenti sull'ordinanza

  • La Regione valuta la stretta: nel mirino il caffè fuori dai bar e le cene tra amici

Torna su
TriestePrima è in caricamento