Appalti truccati per 1 miliardo di euro in tutta Italia

Parte dal FVG l' "Operazione Grande Tagliamento" che coinvolge GDF regionale e Polizia, e sta effettuando indagini su 150 gare d'appalto in tutta Italia anche in zone colpite dal terremoto del 2016

Sono 150 le gare d'appalto sotto inchiesta nella maxioperazione chiamata "Grande tagliamento", che ha coinvolto 400 finanzieri del Comando FVG e la procura di Gorizia. Sottoposti a sequestri e perquisizioni svariati enti pubblici e società per indagini su appalti di opere pubbliche per un valore di oltre un miliardo di euro. Sotto verifica anche l'Autorità Portuale di Trieste e alcune gare d'appalto nelle zone dell'Italia centrale colpite dal terremoto del 2016, tra cui la Tre Valli Umbre. L'operazione è diretta dalla sostituto procuratore della Procura isontina Valentina Bossi, con la supervisione del procuratore capo Massimo Lia, e le indagini si stanno protraendo da ormai 18 mesi. Qui l'elenco degli enti "Illustri" coinvolti, diramato dalla GDF di Gorizia.

I capi d'accusa

Ipotizzate turbative d'asta tra le imprese, che avrebbero messo in atto pratiche collusive e frodi nella realizzazione di ponti, viadotti, cavalcavia, sottopassi, gallerie, piste aeroportuali costruite utilizzando materiali differenti da quelli dichiarati. Sarebbero stati quindi utilizzati materiali non certificati e in quantitativi inferiori a quanto prescritto e fatturato, con conseguenti violazioni anche di natura ambientale.

Operazione "Grande Tagliamento", coinvolti nomi illustri anche a Trieste

Le dichiarazioni

Così ha dichiarato il procuratore capo di Gorizia, Massimo Lia: «Abbiamo attivato il monitoraggio partendo da Gorizia, dal cantiere per il rifacimento del Corso, osservando il comportamento di alcuni soggetti che successivamente ci hanno “portato in giro”. Prima li abbiamo controllati nelle attività in  altre zone della regione e poi nel resto d’Italia. Si tratta di una vera e propria opera di spartizione degli appalti». Il fenomeno ha assunto dimensioni consistenti, come ha confermato anche il comandante regionale della Guardia di Finanza, Giuseppe Bottillo: «All’inizio non ci attendevamo una cosa del genere, ma è un’attività estesa e ramificata, che coinvolge centinaia di imprese. Ci sono nomi illustri coinvolti, dal Commissariato per l’emergenza viabilità in A4, all’Anas, passando per Autovie Venete e Autostrade per l’Italia».

Condannato per usura e riciclaggio: sequestrati beni per 900mila euro 

Potrebbe interessarti

  • Scutigera, cos’è e perché non conviene ucciderla

  • I trucchi per avere abiti perfetti senza stiratura, anche durante le vacanze

  • Pomodori secchi, proprietà benefiche e preparazione in casa

  • Usi e benefici della lavanda, come coltivare la pianta dal profumo incantevole

I più letti della settimana

  • Trovato senza vita in mare: addio al fotografo Guido Cecere

  • Fuoriesce del materiale radioattivo, tre operai all'ospedale

  • Euro 6, le novità sulle vetture di nuova immatricolazione

  • Allerta meteo: in arrivo forti temporali su tutto il FVG

  • Triestina-Juventus al Rocco sabato sera, manca solo l'ufficialità

  • Incidente in ex GVT: padre e figlia in ospedale

Torna su
TriestePrima è in caricamento