menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay

Si è spento l'istriano Armando Luches, insigne studioso dell'Università di Lecce

Era nato nel paese di Arsia nel 1940. Dopo l'esodo gli studi a Trieste ed il trasferimento, alla fine degli anni Sessanta, in Salento. Il rettore dell'ateneo leccese: "Doti umane di semplicità, garbo ed eleganza"

L'università del Salento piange la perdita del professor Armando Luches, istriano nato ad Arsia nel 1940 e venuto a mancare nella mattinata del 12 aprile. Dopo l'esodo a Trieste, Luches si era laureato all'università giuliana nel 1966, un anno prima del suo trasferimento a Lecce. Il docente era stato tra i fondatori della Facoltà di Scienze, oggi dipartimento di Matematica e Fisica “Ennio De Giorgi”. Il rettore dell'ateneo salentino Fabio Pollice ha voluto ricordarlo non solo per le doti professionali e per la lunga carriera, fatta di prestigiosi riconoscimenti internazionali, ma anche per le doti umane di semplicità, garbo ed eleganza.

Il ricordo del rettore e della figlia

“La sua preparazione classica gli permetteva inoltre di spaziare anche in campi umanistici. Questa larghezza di orizzonti culturali, l’umanità e la professionalità sono stati i suoi tratti distintivi e la sua più preziosa eredità. L’Università del Salento si unisce al dolore della famiglia e di quanti gli sono stati vicini”, ha scritto Pollice. Toccanti le parole della figlia, Paola Luches, vicino alla quale, a Modena, il professore ha trascorso gli ultimi mesi dopo una breve malattia: “Il rapporto con molti dei suoi studenti è stato attivo fino alla fine della sua vita. Molti di loro lo hanno affiancato nella sua attività di ricerca, e ha continuato ad avere intensi e stimolanti scambi e forti legami di amicizia anche con molti di quelli che dopo la laurea hanno intrapreso strade differenti dalla ricerca. Il merito della città di Lecce è stato quello di consentire che il suo contributo allo sviluppo e alla crescita scientifica e culturale della città venisse adeguatamente valorizzato e amplificato per sopravvivere alla sua scomparsa e lasciare una traccia per il futuro”.

La carriera del professor Armando Luches

Nato nel paese di Arsia (Istria) nel 1940, aveva studiato Fisica all’Università di Trieste, dove si era laureato nel 1966. Nel 1967 aveva scelto di trasferirsi a Lecce, seguendo il professor Luigi Taffara (recentemente scomparso), stimolato dall’idea di contribuire alla nascita della nuova Facoltà di Scienze presso il collegio Fiorini. Ha inizialmente ricoperto l’incarico di assistente in Fisica generale, è stato poi nominato docente di Radioattività, quindi professore associato di Fisica atomica e, dal 1987, ordinario di Fisica della Materia.

Ha svolto una funzione centrale nella nascita – nell’anno accademico 1967/68 - e nello sviluppo dell’allora Istituto di Fisica dell’ateneo; è stato poi direttore del dipartimento di Fisica dal 1977 al 1980 e dal 1992 al 1997. Per molti anni ha lavorato per l’Università e per la sezione di Lecce dell’Istituto Nazionale di Fisica Nucleare anche come esperto qualificato per la protezione dalle radiazioni ionizzanti, e come responsabile della sicurezza fino al pensionamento avvenuto nel 2010.

Ha fondato un laboratorio di ricerca e ha coordinato un gruppo di lavoro, tuttora attivo a livello internazionale, impegnato nella sintesi di materiali innovativi utilizzando laser ad alta potenza. Ha pubblicato più di 300 lavori su riviste scientifiche, instaurando moltissime collaborazioni nazionali e internazionali. È stato eletto membro dell’Accademia europea delle scienze e delle arti. Per i suoi meriti scientifici ha vinto la medaglia “Dionvz Ilkovic”, assegnatagli dall’Accademia delle Scienze della Slovacchia, mentre l’Accademia delle Scienze della Repubblica Ceca gli ha conferito la medaglia di onore “Ernst Mach”.

Argomenti
Condividi
In Evidenza
social

Giro d'Italia 2021: tre le tappe in Friuli Venezia Giulia

Ristrutturare

Superbonus 110%: i lavori necessari per richiedere l'incentivo

Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

TriestePrima è in caricamento