menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay

Latitanza e divieti di ritorno: tre arresti al confine nel periodo natalizio

Un latitante 32enne arrestato a Fernetti e altre due persone con svariati alias e precedenti penali bloccati a Basovizza. Le attività natalizie della Polizia di frontiera

Tre cittadini dell’Est Europa sono stati arrestati in questi giorni dalla Polizia di frontiera di Trieste, contando probabilmente sul flusso dei rientri in Patria per le festività natalizie e di fine anno, per passare inosservati ai controlli di frontiera. Bloccati un cittadino romeno con una condanna da scontare e due cittadini albanesi già espulsi e rientrati in Italia nonostante il divieto.

Arresto di un 32enne a Fernetti

Il primo, condannato a Torino per vari furti perpetrati dal 2009 in poi, è stato arrestato la scorsa notte in località Fernetti da una pattuglia del Settore Polizia di Frontiera di Trieste. Si tratta di un cittadino romeno di 32 anni, A.N. le sue iniziali, che deve scontare una pena residua di dieci mesi di reclusione.

Ora si trova nel carcere di Vicenza a disposizione dell’Autorità Giudiziaria. Il cittadino rumeno usciva dall’Italia a bordo di un furgone con targa romena che è stato fermato per un controllo da una pattuglia della Polizia di Frontiera. Dagli accertamenti è risultato che A.N. era destinatario di un ordine di carcerazione emesso dalla Procura della Repubblica di Torino lo scorso mese di novembre.

Due arresti a Basovizza

Inoltre, la sera del 16 dicembre, sono stati arrestati, sempre dalla Polizia di Frontiera, due cittadini albanesi, K.L. di 30 anni e V.A. di 43 anni, che stavano per lasciare l’Italia a bordo di un autobus di linea diretto in Albania. Il mezzo è stato fermato per un controllo presso la località confinaria di Basovizza e, dalle verifiche sull’identità dei passeggeri, è emerso che entrambi erano entrati nuovamente in Italia violando il divieto di reingresso.

Infatti, K.L. nel 2019 era stato espulso dal territorio nazionale con provvedimento disposto dal Prefetto di Torino, risultava avere svariati alias, numerosi precedenti penali e inammissibile oltre che in Italia anche in Germania; a carico di V.A. vi era in atto un decreto di espulsione giudiziario emesso dall’Ufficio di Sorveglianza di Alessandria nel 2013 che gli inibiva l’ingresso fino al 2023, oltre a svariati alias, lo stesso risultava inammissibile sia in Italia che in Francia. Al termine delle attività di polizia, i due stranieri sono stati accompagnati presso la Casa Circondariale di Udine. Gli arresti sono avvenuti nell’ambito delle attività svolte della Polizia di Frontiera di Trieste, in particolare in questo periodo di ferie, a contrasto della criminalità transfrontaliera.

Rotta balcanica, la polizia slovena soccorre una madre e due bimbi appena nati

Argomenti
Condividi
In Evidenza
social

Il deserto del Sahara ricoperto di neve: le foto sono virali

Arredare

Come arredare casa in perfetto stile boho chic

Benessere

I 5 DPI più efficaci per contrastare il Covid-19

Ultime di Oggi
  • Cronaca

    Covid in Fvg, 679 nuovi contagi e 24 decessi

Potrebbe interessarti
In primo piano
  • Veicoli Commerciali

    Mezzi pesanti: regole e limiti di velocità

  • Scuola

    Metodo di studio: i consigli per memorizzare in poco tempo

Torna su

Canali

TriestePrima è in caricamento