menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay

Arrivano i Business Angels in Area per Sostenere le Start up Innovative

Supportare progetti d'impresa che presentino un alto contenuto di innovazione, valorizzando talenti e idee e contribuendo alla creazione di nuovi posti di lavoro qualificato. E' questa la filosofia d'investimento che Italian Angels for Growth...

Supportare progetti d'impresa che presentino un alto contenuto di innovazione, valorizzando talenti e idee e contribuendo alla creazione di nuovi posti di lavoro qualificato.
E' questa la filosofia d'investimento che Italian Angels for Growth (IAG), il maggiore gruppo di business angels in Italia, porta in AREA Science Park grazie a un accordo che vedrà coinvolto in modo particolare il braccio operativo del parco scientifico triestino Innovation Factory (IF), società in-house di AREA specializzata in scouting, formazione e supporto a favore di team di sviluppo imprenditoriale.

Attualmente sono quasi una trentina le start-up nate o in fase di pre-incubazione all'interno di IF, la maggior parte delle quali composte da giovani, spesso provenienti dal mondo universitario e della ricerca.

Proprio tra i progetti d'impresa incubati da Innovation Factory, potrebbe esserci per i business angel di IAG una promettente startup sulla quale investire.

"I nostri investimenti sono sempre effettuati su progetti imprenditoriali che reputiamo ad alto potenziale e molto promettenti, ma rimangono iniziative ad alto rischio nelle quali investiamo se effettivamente i progetti e il team proponente ci convincono senza ombra di dubbio - spiega Lorenzo Franchini, fondatore e Managing Director IAG .

Investendo cerchiamo un nostro ritorno economico, ma lo facciamo anche con l'idea di sostenere l'imprenditorialità, l'innovazione e la ricerca e favorire uno sviluppo sostenibile nel lungo termine nel nostro Paese."

I business angel di IAG, potendo contare sull'apporto economico di 90 soci, sono in grado di effettuare anche investimenti piuttosto elevati (per il settore dell'angel investing) e di conseguenza sono in grado di rispondere a ricerche di capitali anche da parte di aziende già sul mercato, che hanno bisogno di crescere o internazionalizzarsi.
Ciò significa che nel quadro della collaborazione con Area, anche aziende hi-tech già insediate nel parco scientifico in settori che vanno dal biomedicale, all'IT, all'energia, entreranno nel radar dell'associazione IAG.

"La collaborazione tra noi e AREA siglata in questi giorni - continua Franchini - rafforza un rapporto esistente e che crediamo possa generare interessanti sinergie.

Per noi è oggi molto importante attirare progetti d'impresa di un certo livello qualitativo e la partnership con AREA può andare in questa direzione.

Noi metteremo a disposizione la nostra esperienza, coinvolgeremo i nostri soci - imprenditori, manager e stimati professionisti - nelle iniziative e negli incontri organizzati, con l'obiettivo di individuare progetti d'impresa meritevoli d'investimento finanziario e di supporto manageriale."

IAG
Italian Angels for Growth, associazione indipendente no-profit nata nel 2007, conta 90 business angel accomunati dallo scopo di supportare e finanziare progetti industriali in fase early stage che presentino un alto contenuto di innovazione e potenziale di crescita.

Attraverso gli investimenti dei propri soci, IAG sostiene l'imprenditorialità, l'innovazione e la ricerca nel nostro Paese e in Europa contribuendo a favorire uno sviluppo sostenibile nel lungo termine.

I soci IAG realizzano investimenti da ?300.000 a ? 800.000 destinati a startup innovative italiane ed estere, grazie alla composizione e all'alta esperienza internazionale della maggior parte dei suo i membri.

A oggi, IAG ha esaminato un deal flow di oltre 1400 opportunità d'investimento e oltre trenta proposte sono state selezionate dai soci per l'investimento.

Gli investimenti già effettuati da soci IAG sono complessivamente ventuno (in quindici società) e ammontano a 5 milioni di euro.

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Salute

Controlli gratuiti per le donne: torna l'H-Open Week di Onda

social

Storie del territorio: perché il Friuli Venezia Giulia non è "il Friuli"

social

Risi e bisi: la ricetta

Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

TriestePrima è in caricamento