Cronaca

Asili nido, scuole dell'infanzia e ricreatori comunali: a breve le assunzioni a tempo indeterminato dei precari

10.18 - L'assessore Grim: «Grazie alla sinergia tra le diverse istituzioni assicureremo la continuità nell'erogazione dei servizi educativi dal prossimo settembre, ma riusciremo anche a dare una sicurezza lavorativa a tantissimi educatori ed educatrici»

«Il cammino verso il riconoscimento degli anni di lavoro e della professionalità maturata, da parte di tantissimi educatori ed educatrici dei servizi educativi del comune di Trieste, sta giungendo ad un lieto fine, per certi versi davvero insperato». Lo ha ribadito l'assessore all'Educazione Università e Ricerca del Comune di Trieste Antonella Grim, anche a margine della riunione del Consiglio comunale d'ieri (giovedì 17 luglio) che ha visto l'audizione dell'assessore regionale Paolo Panontin.

«Grazie ad un prezioso lavoro di squadra tra Comune di Trieste, Regione FVG e Governo - ha detto Antonella Grim - a breve, nella sessione del consiglio regionale dedicata all'assestamento di bilancio della prossima settimana, verrà approvata una norma in base alla quale si potrà procedere all'assunzione a tempo indeterminato di molti educatori ed educatrici che prestano da diversi anni servizio negli asili nido, scuole dell'infanzia e ricreatori comunali».

«Vorrei ricordare - ha ricordato l'assessore Grim - come fin dall'agosto 2011, l'obiettivo dichiarato e concretamente cercato da questa amministrazione comunale sia sempre stato quello di assumere il personale che, insieme a quello di ruolo, ogni giorno rende un così prezioso servizio ai nostri bambine e bambini e alle famiglie di questa città».

«Il Governo e l'amministrazione regionale hanno compreso l'importanza dei servizi educativi in gestione diretta della nostra città e la drammatica situazione in cui si sarebbero venuti a trovare moltissimi precari se non avessimo trovato una soluzione a quanto stabilito dalla sentenza della Corte Costituzionale dello scorso marzo. Grazie a questa sinergia tra le diverse istituzioni, non saremo solo in grado di assicurare la regolare continuità nell'erogazione dei servizi educativi dal prossimo settembre – strumento fondamentale per la conciliazione dei tempi di vita e di lavoro delle nostre famiglie – ma riusciremo anche - ha concluso Antonella Grim - a dare una sicurezza lavorativa a tantissimi educatori ed educatrici».

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Asili nido, scuole dell'infanzia e ricreatori comunali: a breve le assunzioni a tempo indeterminato dei precari

TriestePrima è in caricamento