menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay

Assembramenti in zona rossa, Polidori: "Polizia locale interviene sempre, ma non si può coprire tutto il territorio"

Se ne è parlato stamani in sesta commissione: segnalate violazioni delle norme sanitarie da parte dei cittadini. Il vicesindaco e il vice comandante della Polizia locale spiegano le criticità riscontrate nel presidio del territorio: "Il corpo è sotto organico per i pensionamenti e le situazioni sono spesso "ambigue" in materia di comportamenti illeciti"

“In merito agli assembramenti e le violazioni delle norme legate al regime di zona rossa in città, la linea impartita dall'ammnistrazione comunale è di rigore o tolleranza?” è la domanda posta dalla consigliera Bassa Poropat questa mattina in sesta commissione al vicesindaco e assessore alla Polizia Locale Paolo Polidori e al vice comandante Paolo Jerman. Durante la seduta è emerso infatti che sono state segnalate in città diverse situazioni non conformi allo scenario di un vero e proprio lockdown.

L’assessore ha risposto che “la linea è quella del rigore”, pur non nascondendo i limiti a cui il corpo di Polizia locale deve far fronte nel gestire la situazione: “ci sono situazioni in cui l’intervento di una pattuglia sola in un gruppo di persone, magari alticce, deve essere operato garantendo la sicurezza di tutti, anche degli operatori. Inoltre non è possibile coprire il 100% del territorio in qualsiasi momento e situazione, anche perché il corpo di Polizia Locale è sotto organico. Nonostante le assunzioni ci sono stati infatti dei cali per i pensionamenti e alcuni agenti sono stati mandati in altri dipartimenti. In ogni caso qualsiasi segnalazione del cittadino viene prontamente esaudita, quindi siamo presenti il più possibile”.

Il vice comandante Jerman ha poi specificato che “sicuramente adesso è più facile controllare gli assembramenti perché non c’è la possibilità di stazionare di fronte agli esercizi. Siamo coordinati dal Comitato di ordine pubblico e sicurezza e dalla Questura per l’utilizzo della pattuglie ma abbiamo la nostra parte di uffici tecnici che hanno controllato molto gli esercizi pubblici, principalmente nei bar e non nei ristoranti. Quei bar sono stati sanzionati. È tuttavia difficile scindere i comportamenti anomali da quelli corretti e dovendo sanzionare esercente e avventori diventa complicato. Gli assembramenti avvengono in maniera flessibile e spesso quando la pattuglia arriva in loco non trova più niente. Cerchiamo di vigilare sul rispetto delle norme, cercando però di non danneggiare troppo gli esercizi già in sofferenza”.

Argomenti
Condividi
In Evidenza
social

Cosa non regalare mai per la Festa della mamma e perché

social

"Buon viaggio 'doc'": l'ultimo saluto di Manuel al medico che gli salvò la vita

social

Festa della mamma: origini e curiosità

Ultime di Oggi
  • Cronaca

    Via libera alle visite agli ospiti delle Rsa: ecco le regole

  • Cronaca

    Covid: in Fvg 90 nuovi casi, nessun decesso a Trieste

  • Cronaca

    Incendio in via Belpoggio: evacuato lo stabile

Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

TriestePrima è in caricamento