Cronaca

Covid: cosa fare al rientro dall'estero dal 21 dicembre al 6 gennaio

Chi ha soggiornato nel Regno Unito e Irlanda del Nord nei 14 giorni antecedenti all’ultima ordinanza deve contattare via email il Dipartimento di prevenzione per sottoporsi a tampone. Isolamento fiduciario per chi rientra da alcuni paesi: la lista nell'articolo

Foto: Trieste Airport (Facebook)

ASUGI ricorda che il rientro in Italia dall’estero nel periodo dal 21 dicembre al 6 gennaio è regolato dal Dpcm del 3 dicembre, e dalla successiva Ordinanza del Ministero della Salute del 18 dicembre 2020. È possibile consultare l’elenco dei Paesi esteri al seguente link

In particolare, chi rientra dai Paesi dell’elenco C, D ed E deve sottoporsi a isolamento fiduciario e sorveglianza sanitaria per 14 giorni, contattando via email il Dipartimento di prevenzione di competenza agli indirizzi riportati sotto. Asugi ha pubblicato sul proprio sito le disposizioni aggiornate, alla seguente pagina nel paragrafo “Info rientro in Italia dall’estero”.

Regno Unito e Irlanda del Nord

Per quanto riguarda il Regno Unito e l’Irlanda del Nord, una nuova ordinanza del 20 dicembre 2020 del Ministero della Salute vieta a partire dal 20 dicembre l’ingresso in Italia alle persone che nei 14 giorni precedenti hanno soggiornato o transitato in questi Paesi. Coloro che sono rientrati in Italia prima del 20 dicembre, anche se asintomatici, e hanno soggiornato/transitato in tali Paesi nei 14 giorni antecedenti all’ordinanza devono contattare via email il Dipartimento di prevenzione di competenza per comunicare il proprio ingresso in Italia e per essere sottoposti al tampone.

Dipartimento di Trieste: profilassi.dip@asugi.sanita.fvg.it

Dipartimento di Gorizia: infettive.profilassi@asugi.sanita.fvg.it

Covid: un positivo sul volo Londra - Trieste, testati 90 passeggeri 

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Covid: cosa fare al rientro dall'estero dal 21 dicembre al 6 gennaio

TriestePrima è in caricamento