Mercoledì, 16 Giugno 2021
Cronaca

Asugi aderisce al progetto di identificazione precoce di focolai Covid nelle scuole

Il progetto avrà una durata di 24 mesi e le sue attività dovranno essere realizzate entro il 24 novembre 2022. Ad ASUGI è stato affidato un finanziamento pari ad € 152.000

ASUGI ha aderito al progetto “Sistemi innovativi per l’identificazione precoce di focolai COVID-19 in ambito scolastico in Italia”, promosso dal Centro Nazionale per la Prevenzione e il Controllo delle Malattie (CCM) per l’anno 2020 e realizzato dall’Agenzia Regionale della Sanità della Toscana. Ai fini della realizzazione del progetto l’Azienda Sanitaria Giuliano Isontina ha stipulato una convenzione con l’Agenzia Regionale di Sanità della Toscana per disciplinare i reciproci rapporti.

Il progetto, il cui responsabile per ASUGI è il dott. Maurizio Ruscio, avrà una durata di 24 mesi e le sue attività dovranno essere realizzate entro il 24 novembre 2022. Ad ASUGI è stato affidato un finanziamento pari ad € 152.000, disciplinati dalla convenzione in oggetto e coperti interamente dal finanziamento ministeriale, in coerenza con quanto disciplinato dall’accordo di collaborazione tra il Ministero della Salute e la Regione Toscana. Coerentemente con il nuovo Piano Nazionale della Prevenzione 2020-2025, il CCM intende supportare e sostenere le Regioni nel potenziare la capacità di risposta all’attuale e ad altre eventuali pandemie, anche attraverso l’implementazione di attività di prevenzione del rischio e promozione della salute basati su reti integrate di servizi sociosanitari. Nell’attuale scenario emergenziale legato alla pandemia da Covid-19, il Comitato Strategico e il Comitato Scientifico del CCM hanno ritenuto opportuno orientare tutti gli interventi verso il potenziamento delle attività di sorveglianza, di controllo e di contenimento del virus: i comitati hanno quindi individuato otto macro-progetti e, per ognuno, l’Ente capofila e le risorse necessarie. I macro-progetti sono stati individuati in coerenza con la vision del nuovo Piano Nazionale della Prevenzione 2020-2025 e contribuiranno a sostenere le azioni che saranno sviluppate attraverso i Piani Regionali della Prevenzione.

Per la realizzazione del progetto esecutivo è previsto il coinvolgimento di sei Unità Operative: l’Agenzia Regionale di Sanità della Toscana, l’Azienda Sanitaria Giuliano Isontina, il Dipartimento di Scienze Mediche e Chirurgiche – Università di Foggia, l’Agenzia Regionale Sanitaria – Regione Marche, il Dipartimento di Scienze Cardio-Toraco-Vascolari e di Sanità Pubblica – Università di Padova, l’Istituto Superiore di Sanità. L’Agenzia Regionale di Sanità della Toscana ha la responsabilità dell’esecuzione e del coordinamento delle attività, per il quale è previsto un finanziamento complessivo di € 800.000,00, con il coinvolgimento dell’Istituto Superiore di Sanità oltre che delle regioni Veneto, Friuli Venezia Giulia, Marche e Puglia.

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Asugi aderisce al progetto di identificazione precoce di focolai Covid nelle scuole

TriestePrima è in caricamento