Campagna di prevenzione dei tumori della pelle: visite dermatologiche gratuite

I tumori della pelle sono al primo posto tra le patologie oncologiche e Trieste è una delle città con il più elevato numero di neoplasie cutanee

AsuiTs organizza la Campagna di prevenzione dei tumori della pelle “Il sole sulla nostra pelle: iniziamo dalla prevenzione".
La Clinica Dermatologica dell’Azienda Sanitaria Universitaria Integrata di Trieste diretta dalla prof.ssa Iris Zalaudek, propone ai cittadini visite dermatologiche gratuite per uomini e donne che negli ultimi 5 anni non hanno effettuato visite dermatologiche e/o che hanno più di 50 nei, e/o persone che hanno notato la recente comparsa di lesioni cutanee in rapido accrescimento o che cambiano forma.

La prenotazione è obbligatoria e può essere effettuata telefonando al numero 040 399 7176 dalle ore 9 alle 13 a partire dal 13 giugno fino al 15 giugno o fino ad esaurimento dei posti disponibili; raggiunto tale limite verrà data comunicazione sui canali di ASUITs (sito internet e piattaforme social).
Le visite specialistiche saranno effettuate nelle giornate di martedì 19 e mercoledì 20 giugno presso gli ambulatori della Clinica Dermatologica dell’Ospedale Maggiore, Palazzina Infettivi, 4°piano.
I tumori della pelle sono al primo posto tra le patologie oncologiche e Trieste è una delle città con il più elevato numero di neoplasie cutanee. L’incidenza di questi tumori è in costante aumento, in generale per l’aumento dell’età media di vita della popolazione ma anche a causa di eccessiva e non corretta esposizione al sole.

La prevenzione e la diagnosi precoce dei tumori cutanei, grazie alla visita specialistica, è l’arma più forte per combattere la malattia.
L’educazione della popolazione sui fattori di rischio e sul corretto comportamento durante l’esposizione al sole, e l’utilizzo corretto dei prodotti protettivi (crema solare, capelli, occhiali) fino dalla giovane età, è importante per diminuire l’incidenza delle patologie neoplastiche della cute. Inoltre, è fondamentale promuovere il corretto autoesame della pelle, utile a segnalare in tempo al proprio Medico di Medicina Generale o allo Specialista le eventuali alterazioni sospette.

Il melanoma può presentarsi con molte facce diverse: come una macchia marone scura con bordi irregolari e dimensioni superiori a 6 mm che si allarga lentamente, sul volto, sul tronco o sugli arti; come una macchia pigmentata con più di 7 mm e bordi sfumati sulla pianta dei piedi o mani; come una banda pigmentata dell’unghia con spessore superiore a 4 mm oppure come un nodulo rosso o blu con bordi regolari che si forma all’ improvviso sulla pelle sana e cresce rapidamente. Inoltre, è ben noto che in pazienti con tanti nevi, la gran parte si somigliano in colore, forma e dimensione, mentre il melanoma appare diverso (concetto del “brutto anatroccolo”).

La prof.ssa Zalaudek ha dato fornito 5 consigli chiave da seguire per fare una buona prevenzione:

1) Evitare le scottature solari ed utilizzare il buon senso durante il periodo di esposizione al sole;

2) Mettere le creme solari con un fattore protettivo di +30 SPF su tutto il corpo e riapplicare la crema ogni 2-3 ore;

3) Praticare l’autoesame ogni 3-4 mesi, eventualmente con l’aiuto del partner, amico/a o familiare. Spesso aiuta fare una fotografia per poi controllare se ci sono nuove lesioni;

4) Farsi visitare dallo specialista che poi spiegherà sulla base dell’esame dermatologico, la necessità e frequenza delle prossimi controlli;

5) Ogni lesione marrone, nera, blu o rossa, che cresce all’improvviso sulla pelle, rapidamente e per più di un mese, deve essere sottoposta a controllo dermatologico.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Rischio zona rossa, ecco l'ordinanza Fvg: no caffè fuori dai bar e stop ad allenamenti

  • Covid, Fedriga: “Il Fvg non andrà in zona rossa”

  • Covid, morire a 45 anni: il pizzaiolo Abbas lascia cinque figli e la moglie

  • Dinner cancelling: come funziona la dieta seguita da Fiorello per dimagrire

  • Caffè, asporto e consumo su suolo pubblico: i chiarimenti sull'ordinanza

  • La Regione valuta la stretta: nel mirino il caffè fuori dai bar e le cene tra amici

Torna su
TriestePrima è in caricamento