rotate-mobile
Cronaca

Ater: progetto per la riqualificazione di San Giovanni in gara per un "premio" da 15 milioni

Presentato il piano Pinqua. comune di Trieste, Ater e Università insieme per migliorare la vivibilità di alcuni edifici e aree di San Giovanni. Il progetto prevede anche la realizzazione della casa delle associazioni in via Caravaggio

Una sessantina di nuovi alloggi a San Giovanni, allestiti recuperando un centinaio di mini appartamenti degradati, il tutto nell’ambito di un progetto che potrebbe attirare un contributo massimo di 15 miioni di euro. La domanda di finanziamenti è stata presentata dal Comune di Trieste, in collaborazione con l’Università degli Studi e l’Ater nell’ambito del programma Pinqua (Programma Innovativo Nazionale per la Qualità dell’Abitare), destinato a proposte ad alto impatto strategico sul territorio nazionale. Gli interventi potranno essere cofinanziati con altre risorse, tra cui il Recovery Fund.

Il progetto

Il progetto “San Giovanni: un quartiere verde, inclusivo e smart”, prevede anche il miglioramento delle strutture sportive e scolastiche già esistenti, la riqualificazione di alcune aree verdi e la realizzazione della “Casa delle associazioni F. Filzi” nell’ex immobile scolastico sito in via Caravaggio, un edificio che già ospita alcune associazioni culturali attive nel quartiere”, e ne conterrà in tutto circa una ventina. La risposta alla domanda di finanziamento arriverà entro la metà di giugno, e se sarà positiva ci saranno 8 mesi di tempo per presentare tutti gli elaborati. Il Comune stanzierà 1,3 milioni di euro per sostenere le opere.

Lo hanno comunicato in conferenza stampa l’assessore comunale ai Servizi generali, Progetti europei e Valorizzazione immobiliare Lorenzo Giorgi con il direttore del Servizio Gestione Immobiliare Luigi Leonardi, il presidente dell’Ater Riccardo Novacco con il direttore Franco Korenika, la professoressa Ilaria Garofolo delegata del rettore per l’Università di Trieste e la professoressa Elena Marchigiani coordinatrice del gruppo di lavoro dell’Ateneo triestino di cui fanno parte anche Carlo Stival e Elisa Cacciaguerra.

Nel dettaglio

Gli interventi saranno attuati nelle seguenti vie: via Tintoretto (numeri 3-5), via Caravaggio (8-10 e 14-16), via Piero della Francesca (4), via San Cilino, prospiciente la piazza centrale del quartiere (piazzale Gioberti) e il nuovo impianto polisportivo polivalente. Prevista inoltre la riqualificazione dell’area verde retrostante gli edifici di San Pelagio, in cui si prevede la realizzazione di spazi per le attività fisiche e il gioco all’aperto e per coltivazioni urbane, attraverso percorsi partecipati di progettazione e automanutenzione da parte degli abitanti. I locali non residenziali al piano terra di Via San Pelagio 6 saranno destinati ad associazioni e/o laboratori di zona per il tutoraggio delle fragilità sociali.

Gli interventi

“Un obiettivo importante – ha dichiarato Giorgi -, che si raggiunge attraverso un sinergico lavoro di squadra tra Comune, Ater e Università, per cercare di valorizzare San Giovanni, un quartiere verde, inclusivo e smart”

“Ringrazio il Comune di Trieste che ci ha individuato come protagonisti di questa progettazione – ha dichiarato il presidente dell’Ater Riccardo Novacco – Ci stiamo occupando in maniera decisa delle periferie, stiamo lavorando su Via Grego, dove abbiamo appena sistemato i serramenti, Valmaura e Melara, dove abbiamo appena completato una serie di riqualificazioni serie e proprio ieri abbiamo concluso il parco giochi di via Orlandini. Purtroppo ci sono diverse zone della città in stato di abbandono da decenni, e non possiamo risolvere tutto subito, ma i problemi sono stati rilevati dopo un accurato monitoraggio e sono alla nostra attenzione.”.

Il presidente Ater spiega che “a San Giovanni è essenziale intervenire perché il 30 percento della popolazione è over 35 con un 60 percento di donne, ed è importante che diventino protagoniste. Nel rione abbiamo 533 alloggi di cui 134 sono sfitti e dobbiamo metterli a regime. Finora in città, sotto la mia amministrazione, sono stati rilevati 2000 alloggi sfitti, ne abbiamo visti quasi 700 e ne abbiamo già dati 250, sono numeri significativi che non si vedevano da anni”.

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Ater: progetto per la riqualificazione di San Giovanni in gara per un "premio" da 15 milioni

TriestePrima è in caricamento