“È la disinfestazione, ci apre?”: la nuova truffa al tempo del Coronavirus

Si fingono tecnici ATER per introdursi a tradimento negli alloggi. Fissano appuntamenti al telefono e sono muniti di cartellino. ATER: “Avvertite le autorità”

Falsi tecnici Ater che si presentano a casa degli inquilini per la disinfestazione/disinfezione degli ambienti, ma è una truffa. Come dichiara il presidente dell'ATER Riccardo Novacco in una nota, "sono pervenute segnalazioni riguardanti sedicenti operatori che, qualificandosi come tecnici ATER - muniti di cartellino identificativo fasullo - previo appuntamento telefonico, si presentano a domicilio e si introducono nelle abitazioni adducendo come scusa la disinfestazione/ disinfezione degli alloggi".

Al fine di prevenire eventuali furti Ater segnala che "nessun dipendente di Ater o di ditta esterna è in questo periodo incaricato alla disinfestazione/disinfezione di alloggi, né tantomeno a presentarsi a casa degli utenti. Vi preghiamo di fare attenzione e di segnalare alle Autorità competenti eventuali tentativi di accesso alle proprie abitazioni".

L'avviso di ATER: "Accesso a uffici solo su appuntamento"

Ater specifica inoltre che a seguito dell’emanazione del DPCM per contrastare il contagio da Covid 19 sull’intero territorio nazionale, si comunica che a partire da martedì 10 marzo e fino a nuova disposizione, l'accesso agli uffici è consentito solo previo appuntamento.

Si invita l’utenza a richiedere l’accesso solo in caso di reale necessità, rinviando ad emergenza conclusa tutti gli altri casi e, comunque, di valutare la possibilità di espletare le pratiche impiegando i mezzi alternativi alla presenza fisica messi a disposizione dall’Azienda (telefono, mail, fax, posta...).

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Zona arancione da domenica in Friuli Venezia Giulia

  • Calci e pugni in faccia a una 13enne, la madre: "Sta malissimo"

  • Il Gambero Rosso premia le migliori pasticcerie d'Italia, cinque sono a Trieste

  • Cadono in moto in galleria San Vito: grave il passeggero

  • Possibile stato d'emergenza fino ad aprile, e intanto il Fvg rischia la zona rossa

  • Avviata la distribuzione gratuita di saturimetri in farmacia: chi ne ha diritto

Torna su
TriestePrima è in caricamento