rotate-mobile
Giovedì, 2 Dicembre 2021
Cronaca

Attentati Bruxelles, Studenti Antifascisti: «Vergognoso sciacallaggio, no chiusura frontiere»

Nota- Questo comunicato è stato pubblicato integralmente come contributo esterno. Questo contenuto non è pertanto un articolo prodotto dalla redazione di TriestePrima

- VOLANTINAGGIO di STUDENTI ANTIFASCISTI TRIESTE mercoledì mattina ai licei Dante e Oberdan, con interventi all'assemblea del liceo Preseren. 

Altre bombe, altre vite interrotte, altre famiglie distrutte. Altre vittime innocenti. Un altro attentato jihadista ha scosso il mondo intero e ci tocca nel profondo il sentire l'odio irrazionale che il califfo mostra massacrando inermi cittadini. Impressiona, forse ancora di piu`, assistere alle prontissime dichiariazioni degli sciacalli di turno felici di poter, per l'ennesima volta, speculare sui morti e propangandare servendosi delle paure della gente. Fa paura l'odio ignorante di chi per tutta risposta pretende la chiusura dei confini, di chi se la prende con le stesse persone che scappano dalle guerre, dall'isis, dalla fame. Ci inquieta l'odio che si scaglia contro chi cerca un posto migliore dove far crescere i propri figli o vivere con la propria famiglia senza dover avere paura di uscire di casa.

È un insulto ascoltare politici che con una mano si tengono il cuore, si bagnano gli occhi e parlano di lotta al terrorismo e con l'altra stringono accordi con gli stessi paesi che finanziano i terroristi. Ci spaventano le manipolazioni delle destre populiste e xenofobe che, cogliendo l'attimo, si sfregano le mani e parlano di lotta allo straniero o di Europa bianca tentando di avvicinarsi masse di disperati pronti a credere a tutto. Le paure generano mostri e gli effetti si possono gia` avvertire ad Idomeni, dove sono bloccate nel fango e in campi di prigionia migliaia e migliaia di persone che si trovano la strada sbarrata da un'Europa ormai fortezza. La stessa Europa che oggi parla di lotta al terrorismo e che ieri conclude accordi con paesi come la Turchia che nemmeno troppo velatamente finanziano il califfato.
Chiudere le frontiere non vuol dire solo mettere in pericolo migliaia e migliaia di persone, famiglie, esseri umani che fuggono dalla barbarie ma anche colpire al cuore il concetto stesso di integrazione che vogliamo nella nostra Europa.

23mar16.Volontinaggio

Perché ci si ostina a vendere le armi italiane a paesi che vanno a nozze con il califfato? Perche` la nostra solidarieta`, quella vera, non la portiamo a chi ogni giorno l'isis la combatte ? Non e` piu` tempo di restare indifferenti di fronte a queste spirali d'odio. Oggi abbiamo voluto esprimere la nostra solidarieta` alle vittime di Bruxelles, a chi ogni giorno lotta contro i fondamentalismi religiosi, a chi ha i fascisti dell'isis alle porte, a chi scappa da guerre e distruzioni. Da Bruxelles a Idomeni, passando per la Rojava.
-Studenti Antifascisti Trieste-

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Attentati Bruxelles, Studenti Antifascisti: «Vergognoso sciacallaggio, no chiusura frontiere»

TriestePrima è in caricamento