Cronaca

Audi Gialla, fermato l'autista al confine tra Grecia e Albania

Martedì è finito in manette un albanese di 36 anni. Nel gennaio scorso una banda di criminali terrorizzò il nordest tra sparatorie e inseguimenti

La folle corsa per uno di loro sembra essere proprio finita. I carabinieri di Venezia ne sono convinti: è stato catturato il presunto autista dell'Audi gialla, il famigerato bolide che seminò il terrore a Nordest (tra cui anche Trieste) alcuni mesi fa tra inseguimenti, fughe contromano in autostrada e sparatorie con le forze dell'ordine. L'auto venne poi bruciata a Oné di Fonte, nel Trevigiano. Troppa la pressione di tutte le forze dell'ordine per continuare quello che per i delinquenti che viaggiavano sulla costosa auto, rubata, sembrava essere un'aperta sfida agli uomini in divisa.

La sfida è stata raccolta e vinta, con l'arresto scattato martedì al confine tra l’Albania e la Grecia: in manette un albanese di 36 anni, pluripregiudicato per furti e altri reati e già ricercato. Di fatto l'autista di una banda di predoni professionisti, tanto che era ben conosciuto anche in patria per la sua abilità alla guida.

Tra i reati contestati al 36enne ci sono ricettazione, resistenza a pubblico ufficiale e soprattutto furto in abitazione aggravato e continuato, che può prevedere una pena di oltre 20 anni di reclusione. È stata accertata la sua colpevolezza in almeno due episodi (a San Donà, in due abitazioni: in uno sottrasse 80mila euro da una cassaforte, nel secondo dei gioielli). Quella notte i componenti della banda vennero visti da una residente mentre armeggiavano sulla cassaforte, poi lasciata in mezzo alla strada. A incastrarlo anche un'impronta "latente" lasciata su una "scena del crimine", come è stata indicata in conferenza stampa. Con ogni probabilità si tratterebbe di un bigliettino di un casello autostradale. A quanto risulta sono anni che l'arrestato si cimenta nell'attività criminale: è latitante dal 2011, quando fu colpito da misura coercitiva emessa dall'autorità giudiziaria di Bolzano per reati associativi contro il patrimonio. Si spostava tra l'Italia e i Paesi confinanti, tra cui la Francia, usando identità fittizie certificate da documenti falsificati (indizio che induce a ritenere che alle sue spalle ci sia comunque un'organizzazione oliata); inoltre si trovava spesso a varcare il confine tra Albania e Grecia per motivi di famiglia (i suoceri sono di origini elleniche e hanno una casa lì), e anche martedì stava viaggiando con i parenti al seguito (ma su auto separate). Poi sono scattate le manette da parte della polizia greca in base a un mandato di arresto europeo. Sarà presto trasferito in Italia per il processo.

Maggiori dettagli su VeneziaToday

Si parla di
Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Audi Gialla, fermato l'autista al confine tra Grecia e Albania

TriestePrima è in caricamento