menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay
La risposta della Disney

La risposta della Disney

Maglietta "Auschwitzland", i triestini scrivono alla Disney

La vicenda che ha visto la militante neofascista Selene Ticchi vestire una t-shirt nera con la storpiatura del logo del marchio famoso in tutto il mondo, ha fatto scattare reazioni anche a Trieste. Un gruppo di persone ha inviato delle mail all'azienda che ha risposto: "Ripugnante"

Nelle ore successive alla vicenda che ha visto la militante neofascista Selene Ticchi sfoggiare la maglietta con la scritta "Auschwitzland" a Predappio nella giornata dell'anniversario della marcia su Roma, alcuni triestini si sono "mobilitati" e hanno inviato delle mail direttamente all'azienda famosa in tutto il mondo. L'invio allo storico marchio è avvenuto per il fatto che la maglietta riprendeva il famosissimo logo della Disney e che compariva sulla t-shirt della Ticchi modificato con l'entrata del campo di sterminio nazista al posto del castello. 

La "protesta" partita dalla rete

La Walt Disney ha ricevuto molte segnalazioni e diverse mail sul caso che denunciavano l'accaduto. Tra queste anche quelle di Lisa Luchita, una triestina che ha deciso di inviare il proprio sdegno. "Alcuni fascisti si stanno riunendo in questi giorni per celebrare l'anniversario della Marcia su Roma che causò così tanti morti e orribili conseguenze. Le persone vestono magliette con la scritta "Auschwitzland" che trae ispirazione dalla Disneyland paragonando i campi nazisti a parchi di divertimenti". 

"Sono sicura - si legge verso la fine della mail - del fatto che adotterete delle misure contro questo fatto e speriamo che vogliate emettere un comunicato stampa o qualsiasi cosa in vostro potere per fermare tutto questo e chiarire la vostra contrarietà verso questi crimini". Anche altre persone hanno scritto o scriveranno alla Disney per denunciare l'accaduto. Massimiliano Spanu, docente: "Credo vada informata anche Walt Disney Italia. E che si debba chiedere loro di esprimersi. Non tanto sulla fattura delle magliette, magari realizzate a loro assoluta non conoscenza, ma per una ferma condanna del calco lettering per una iniziativa tanto grottesca quanto volgare e del tutto anacronistica e antisemita". 

La risposta dell'azienda

La Walt Disney ha scelto di inviare la stessa mail a tutte le persone che avevano deciso di segnalare l'accaduto. Nel testo si legge chiaramente (in inglese e che abbiamo tradotto) la presa di posizione del famoso marchio. "Vogliamo che sappiate - così nella mail di risposta - che consideriamo riprovevole e ripugnante la maglietta e ciò che rappresenta. Stiamo molto attenti a proteggere il nostro copyright e stiamo ulteriormente indagando". 

Argomenti
Condividi
In Evidenza
social

Fondo Ambiente Italiano: eletto il luogo più bello d'Italia

Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

TriestePrima è in caricamento