Cronaca

Auser, inaugurata la nuova sede di Via San Francesco. A Trieste 1700 iscritti

9.56 - Circa 400 persone presenti, tra cui il Sindaco Roberto Cosolini: «Mi complimento con l'associazione per le numerose attività: la coesione tra le persone porta ad affrontare le difficoltà della vita di tutti i giorni in modo più semplice, aiutandosi l'un con l'altro»

Circa 400 persone hanno preso parte oggi pomeriggio all’inaugurazione della nuova sede provinciale dell’Auser in Via San Francesco 2 (secondo piano). Roberto Cosolini, Sindaco di Trieste, e l'assessore Laura Famulari, gli assessori Provinciali Adele Pino e Roberta Tarlao e l’assessore Regionale Gianni Torrenti hanno portato il saluto delle Istituzioni, esprimendo così la vicinanza delle stesse a questa associazione.

Sebastiano Truglio, Presidente Provinciale dell’Auser, introducendo la manifestazione, ha espresso «la soddisfazione per le numerose attività svolte durante l’anno dall’Auser, culminate proprio con l’apertura della nuova grande sede centrale, peraltro situata in un luogo facilmente raggiungibile dai cittadini utenti che a Trieste sono circa 1700».

Parola poi passata al Sindaco Cosolini: «Mi complimento con l’associazione per le numerose attività proposte in campo sociale, culturale e formativo; mai come questo in periodo storico è importante la capacità di essere solidali. E' infatti la coesione tra le persone che porta ad affrontare le difficoltà della vita di tutti i giorni in modo più semplice, aiutandosi l’un con l’altro».

Presente all’evento anche Gianfranco Pizzolitto, già Sindaco di Monfalcone, attuale Presidente Regionale Friuli-Venezia Giulia dell’Auser, che ci spiega come «l’Auser si occupa di due tipi fondamentali di attività; la prima è quella volontaristica, ovvero l’accompagnamento di persone con difficoltà motoria presso strutture ospedaliere tramite l’utilizzo di propri automezzi, mentre la seconda è quella più legata alla promozione sociale, con l’organizzazione di numerose manifestazioni ed attività a disposizione degli iscritti nel corso di tutto l’anno».

Pizzolitto continua dicendo che «la nostra società sarà sempre più caratterizzata da un progressivo aumento dell’invecchiamento della popolazione, e questo porta con sé tutta una serie di esigenze. In questo il volontariato diventa importante supportando quanti già operano in tal settore: in questo diventa poi essenziale la creazione di una fitta rete tra tutti per migliorare il servizio rendendolo sempre più efficiente».

Il Presidente Regionale poi punta l’attenzione sull’intergenerazionalità «se un’organizzazione vuole funzionale bene, è giusto che risponda a tutte le esigenze, ed è per questo che l’Auser non è aperto solo agli anziani, come è pensare comune, ma a chiunque voglia partecipare alle attività. Ci sono infatti numerosi casi in cui il numero di giovani iscritti è assai rilevante. Importanti in questo caso sono poi le attività tra giovani ed anziani: una delle attività che abbiamo in programma è quella di far diventare gli studenti delle scuole superiori tutor per i nostri iscritti anziani che stanno frequentando i corsi di computer, mentre gli anziani affiancheranno i giovani negli stage, mettendo a disposizioni gli anni di lavoro e la loro esperienza maturata sul campo».

Pizzolitto conclude focalizzando l’attenzione sul servizio telefonico “Filo D’Argento” che «viene messo a disposizione di quanti si sentono soli e vogliono un po’ di compagnia. Per far fronte a queste necessità e rispondere a tutta una serie di bisogni e richieste poste da chi chiama c’è a disposizione un facilitatore che risponde alle diverse richieste ed esigenze».

L’importanza della qualità dei corsi viene invece spiegata da Loredana Czerwinsky, Responsabile regionale per l’educazione permanente, che ci tiene a sottolineare come «l’Auser di Trieste sia stata una delle prime dieci in Italia ad aver avuto il bollino blu per la qualità dell’insegnamento. Tale riconoscimento viene attribuito sulla base di ben 18 parametri da parte di una commissione esterna formata da esperti dei vari settori. Oltre al bollino blu, è stato attribuito all’Auser triestino anche il bollino verde per il coinvolgimento dei corsi di associazione culturali. Ogni tre anni i bollini vengono confermati dalla Commissione che valuta, di volta in volta, se i parametri d’insegnamento sono stati mantenuti negli anni a livelli elevati. Le informazioni sui corsi sono visibili sul nostro sito trieste.auserfvg.it. Ora l’anno dei corsi è giunto al termine, a Settembre saranno inseriti i nuovi corsi per l’anno 2014-15. Tutti i corsi sono gratuiti per i soci, eccetto qualche raro caso che prevede dei costi extra».

A margine dell’inaugurazione un ricco buffet ha intrattenuto i numerosi partecipanti; molte delle primizie offerte sono state realizzate dai soci stessi, in una sorte di gara all’ultima torta, per la gioia del palato dei presenti.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Auser, inaugurata la nuova sede di Via San Francesco. A Trieste 1700 iscritti

TriestePrima è in caricamento