Domenica, 19 Settembre 2021
Cronaca

Automobile in Fiamme in Strada del Friuli

Dopo aver preso fuoco ha continuato la sua marcia danneggiando un autobus. Erano circa le 21 di venerdì, quando un uomo, V.L. le sue iniziali, di 78 anni, triestino, alla guida della sua autovettura una Ford Focus con al suo fianco la moglie e un...

Dopo aver preso fuoco ha continuato la sua marcia danneggiando un autobus.

Erano circa le 21 di venerdì, quando un uomo, V.L. le sue iniziali, di 78 anni, triestino, alla guida della sua autovettura una Ford Focus con al suo fianco la moglie e un amico seduto sul sedile posteriore, percorre in discesa la Strada del Friuli proveniente da Prosecco, quando percepisce un odore di bruciato provenire dall'interno della sua autovettura.
Si allarma, ferma l'autovettura e con notevole presenza di spirito scende immediatamente dal mezzo, trascinando all'esterno anche gli altri due passeggeri.

In pochi secondi la Ford prende fuoco e viene avvolta dalle fiamme: il conducente, chiede immediatamente aiuto ai passanti e un altro automobilista di passaggio allerta i Vigili del Fuoco.
Nello stesso momento, il veicolo riprende la marcia, scendendo senza controllo la Strada del Friuli in direzione centro città: l'autovettura inizialmente invade l'opposto senso di marcia andando a sbattere dapprima contro un muro presente a margine della carreggiata e successivamente dopo essere rientrato in carreggiata andando a urtare la fiancata dell'autobus della linea 44, che stava percorrendo in quel momento la Strada in salita e che, prontamente, il suo autista aveva fermato alla vista dell'auto.
A questo punto l'auto finalmente si ferma contro il muretto che delimita la carreggiata.
In tutto l'autovettura, avvolta dalle fiamme (un testimone afferma che erano alte anche 5 metri!), ha percorso in discesa più di 200 metri senza fare altri danni che un'abrasione sulla carrozzeria anteriore sinistra di un autobus e senza causare nessun ferito.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Automobile in Fiamme in Strada del Friuli

TriestePrima è in caricamento