Autorizzata la caccia con fonti luminose ai cinghiali

Dal Zovo: "Una vergogna". L'emendamento consente l’utilizzo di fonti luminose, notturne, termiche o puntatori laser quali strumenti ausiliari a quelli consentiti per il prelievo venatorio.

"Ci risiamo. A ogni occasione la maggioranza ripropone norme peggiorative in tema di caccia". È il commento della capogruppo del Movimento 5 Stelle in Consiglio regionale, Ilaria Dal Zovo, dopo l'approvazione dell'emendamento al disegno di legge n. 54 Omnibus presentato da Forza Italia e Lega che consente l’utilizzo di fonti luminose, notturne, termiche o puntatori laser quali strumenti ausiliari a quelli consentiti per il prelievo venatorio.

"Come sempre, ci siamo opposti a una norma che introduce la possibilità di cacciare gli ungulati nelle ore notturne, utilizzando puntatori laser e fonti luminose. Di fatto, ora si potrà cacciare per quasi 22 ore. Nessuno scampo, quindi, per i cinghiali che nelle ore notturne, di solito escono per cibarsi. Inoltre - sostiene la Dal Zovo - la modifica approvata presenta chiari profili di incostituzionalità, essendoci già delle sentenze della Suprema Corte che vanno contro l'utilizzo di fonti luminose per l'attività venatoria".

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Schianto in moto a Prebenico, morto giovane di 38 anni

  • Tragico incidente in autostrada, morta bimba di quattro mesi

  • Nudo e ubriaco prende il sole al Cedas davanti a tutti

  • Grave trauma cranico dopo una "lite" tra ragazzi: 22enne in prognosi riservata

  • Muore a 38 anni dopo una caduta con la moto, Dolina piange Devan Santi

  • Frecce Tricolori: lunedì il volo su Trieste

Torna su
TriestePrima è in caricamento