Fine settimana di lavori in autostrada: i tratti interessati dai cantieri

Tra venerdì 23 ottobre e domenica 25 Autovie ha predisposto un fitto cronoprogramma di opere che comporteranno alcune chiusure

Lavori e chiusure in autostrada previste nel weekend: dalle 22.00 di venerdì 23 alle 5.00 di sabato 24 verrà chiusa la rampa che da Udine (A23) porta a Trieste (A4) all’altezza del bivio di Palmanova per consentire la posa in opera di un sistema di smaltimento delle acque sottostanti al cavalcavia (Trieste – Venezia) del Nodo e il rifacimento della segnaletica orizzontale. Questi lavori sono compresi nel primo sub lotto del quarto lotto (nodo di Palmanova – Gonars). Pertanto chi percorrerà la A23 (Udine – Tarvisio) e si dirigerà a Trieste dovrà uscire a Udine Sud, immettersi sulla viabilità ordinaria seguendo le frecce gialle e rientrare in A4 al casello di Palmanova. Nessun problema invece per chi andrà a Venezia. 

Sabato 24 ottobre

Dalle 19.00 di sabato 24 verrà chiuso l’intero tratto tra il nodo di Portogruaro e il bivio di Palmanova in entrambe le direzioni di marcia. Alle 8.00 di domenica 25 verrà riaperto il tratto bivio di Palmanova – Latisana, mentre la chiusura del tratto Latisana – nodo di Portogruaro si protrarrà fino alle 15.00 dello stesso giorno. Nel terzo lotto della terza corsia (Alvisopoli – Gonars) il programma di lavori prevede l’installazione della nuova segnaletica verticale, la verniciatura delle barriere di sicurezza e di alcuni cavalcavia autostradali, lo sfalcio del verde delle banchine laterali, mentre nel primo sub lotto del quarto lotto le maestranze saranno impegnate nello spostamento di alcuni new jersey della rampa Venezia – Udine, nella posa dei supporti dei pali di illuminazione e nella manutenzione della segnaletica di cantiere. 

Il varo del cavalcavia Fratta - Teglio  

La maxi chiusura di 20 ore del tratto autostradale Latisana – nodo di Portogruaro (dalle 19.00 di sabato 24 alle ore 15.00 di domenica 25) è dovuta a due opere complesse e innovative che imprimeranno una decisa accelerazione al primo sub lotto del secondo lotto. La prima riguarda il varo della campata centrale del cavalcavia Teglio – Fratta, un manufatto del peso di 250 tonnellate e della lunghezza di 60 metri che non verrà sollevato dalle gru e agganciato all’altezza delle pile – come accaduto in tutte le altre circostanze -, ma verrà trasportato da due carrelloni, posizionato al centro della carreggiata, ruotato a 90 gradi e issato da due torri dal basso verso l’alto attraverso l’utilizzo di martinetti idraulici. La campata verrà appoggiata alle pile del ponte e nei giorni successivi verranno costruite le due campate a riva. Una tecnica inedita, studiata per garantire maggiore sicurezza nelle fasi del varo.  

La spinta della canna armata 

L’altra opera che vedrà impegnate le maestranze riguarderà, invece, la spinta dell’ultima canna armata del sub lotto (un manufatto in calcestruzzo che consente il collegamento dei fossi da nord a sud che raccolgono l’acqua dall’autostrada) a pochi metri di distanza dal fiume Lemene. La canna armata della lunghezza di 25 metri e alta 3 metri e 70 centimetri verrà posta a una profondità di sette metri al di sotto dell’autostrada. Verranno quindi utilizzati due potenti escavatori che effettueranno uno scavo complessivo di 700 metri cubi all’interno del quale verrà poi spinto il manufatto. Successivamente verrà ricostruito il sedime autostradale e il tratto verrà riaperto al traffico alle ore 15,00. 

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Covid, Fedriga: “Il Fvg non andrà in zona rossa”

  • Trovata morta in mare a Grignano: aveva 62 anni

  • I migliori panifici di Trieste secondo il Gambero Rosso

  • Il Wi-Fi in casa è pericoloso per la salute: l'Iss fa chiarezza

  • Covid, Fedriga: "Rt in calo, possibile ritorno in zona gialla dalla prossima settimana"

  • Indietro fino ad inizio ottobre, nei 1432 positivi di oggi "pesano" i dati di Insiel

Torna su
TriestePrima è in caricamento