Autovie: chiusure nodo Palmanova, restyling entro primavera

Chiusa la rampa di collegamento tra A23 e A4 sulla Udine-Trieste nella notte fra mercoledì 5 e giovedì 6 dicembre. Nella notte successiva la chiusura riguarderà la rampa sulla direttrice Venezia-Udine

Proseguono i lavori per il completamento del nuovo ponte del nodo di Palmanova - già varato nel settembre scorso – che verrà aperto al traffico la prossima primavera. L’intervento riguarderà l’esecuzione del getto in calcestruzzo della soletta (il piano d’appoggio) del manufatto che rappresenta l’opera più impegnativa del primo sub lotto (Gonars-Palmanova) del quarto lotto (Gonars-Villesse) dei lavori della terza corsia sulla A4. Per questo motivo per due notti consecutive - tra mercoledì 5 e giovedì 6 dicembre e tra giovedì 6 e venerdì 7 dicembre – si procederà alla chiusura dell’autostrada in corrispondenza dell’allacciamento A4/A23.

L’intervento e le chiusure

Il getto della soletta verrà suddiviso in due momenti lungo i 120 metri di lunghezza dell’infrastruttura. Tra le ore 21,00 di mercoledì 5 dicembre e le ore 5,00 di giovedì 6, il traffico verrà chiuso in corrispondenza della rampa di collegamento tra l’autostrada A4 e la A23 (sulla direttrice che da Venezia porta a Udine). Chi è diretto nel capoluogo udinese e proviene da Venezia dovrà quindi dirigersi a Palmanova, uscire al casello, rientrare in autostrada e seguire le indicazioni per Udine. (vedi piantina 1)

Tra le ore 21,00 di giovedì 6 e le ore 5,00 di venerdì 7 dicembre la circolazione dei veicoli verrà interdetta nel tratto della rampa di collegamento tra l’autostrada A23 e la A4 (sulla direttrice che da Udine porta a Trieste). Chi è diretto nel capoluogo giuliano e proviene da Udine dovrà quindi dirigersi a San Giorgio di Nogaro, uscire al casello, rientrare in autostrada e proseguire verso Trieste. (vedi piantina 2)

La descrizione dell’opera 

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

Il cantiere è proprio nel cuore del nodo di Palmanova – interconnessione fra A4 e A23 – dove si incrociano 6 diverse direttrici di traffico: dalla A4 verso Udine e verso Trieste; dalla A4 verso Venezia e verso Udine; dalla A23 verso Venezia e verso Trieste. Il manufatto, già visibile a chi percorre l’autostrada in entrambe le direzioni, realizzato dall’impresa Cimolai di Pordenone e dal peso di 530 tonnellate di peso, scavalca la direttrice Udine Trieste e verrà aperto al traffico la prossima primavera, una volta demolito quello esistente. Il primo sub lotto riguarda un tratto autostradale di circa 5 chilometri, l’investimento per i lavori è di 38 milioni di euro e due sono i comuni coinvolti: Gonars e Bagnaria Arsa. Il completamento della terza corsia in questo tratto di strada avverrà entro la primavera del prossimo anno. Al contempo verranno aperti al traffico anche i due cavalcavia di recente costruzione sulla provinciale ungarica e sulla comunale che collega Fauglis Torviscosa.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Il ministro Speranza ha deciso: tampone obbligatorio per chi torna dalla Croazia

  • Tamponi al rientro dalle vacanze in Croazia: cosa dice l'ordinanza

  • Bonus da 600 euro, anche il consigliere regionale Franco Mattiussi tra i beneficiari

  • Rifiuta le sue avances e lui le sputa addosso: sconcerto in piazza Libertà

  • Nascondeva un arsenale da guerra in casa: arrestato 60enne a Muggia

  • Notte di San Lorenzo, ecco i 5 posti più belli dove ammirare le stelle cadenti a Trieste

Torna su
Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...
TriestePrima è in caricamento