Cronaca Duino-Aurisina

Autovie Venete, 7 milioni di euro per le barriere fonoassorbenti a Duino Aurisina

Oltre 7 milioni di euro di investimento che vedrà la realizzazione di barriere di un’altezza compresa fra 4 e 6 metri, trasparenti alla sommità e allestite con un materiale eco-compatibile, il cui rivestimento richiamerà la pietra di Aurisina

Consiglio di Amministrazione interamente dedicato a questioni tecniche, quello che si è svolto a Trieste, in via Locchi, guidato dal presidente Emilio Terpin. Fra i numerosi punti all’ordine del giorno, particolarmente importante l’affidamento dell’appalto integrato per la progettazione esecutiva e l’esecuzione dei lavori riguardanti le barriere fonoassorbenti di Duino Aurisina. I lavori sono stati assegnati alla ditta Fip Industriale spa ( di Selvazzano in provincia di Padova) in Ati con Cir Ambiente spa e Spav Prefabbricati spa.

Si tratta di un intervento molto atteso (oltre 7 milioni di euro di investimento)  che vedrà la realizzazione di barriere fonoassorbenti di un’altezza compresa fra 4 e 6 metri, trasparenti alla sommità e allestite con un materiale eco-compatibile, il cui rivestimento richiamerà, dal punto di vista estetico, la pietra di Aurisina, per favorire al massimo il loro inserimento ambientale. E’ giunto quindi a buon punto l’iter per l’installazione delle strutture (3 mila 740 metri lineari, suddivisi in 10 tratte per una superficie pari a 18 mila 500 metri quadrati) che proteggeranno dal rumore i centri abitati di Sistiana, San Giovanni e Duino, parte del cui territorio costeggia l’autostrada.

Un progetto avviato da tempo dalla Concessionaria, che ha predisposto un vero e proprio Piano di contenimento e abbattimento del rumore, all’interno del quale rientrano anche le barriere pianificate per il territorio di Duino, i cui tempi di esecuzione, però non sono stati brevi (l’iter è iniziato nel dicembre 2012) a causa di una serie di intoppi di ordine burocratico da un lato e legati all’espletamento della gara dall’altro.  Superati tutti gli intoppi e affidati i lavori, ora il vincitore ha tre mesi di tempo per la predisposizione del progetto esecutivo che dopo il vaglio di Autovie Venete sarà trasmesso al Ministero delle Infrastrutture e Trasporti per l’approvazione.  

A quel punto potrà cominciare concretamente la costruzione delle barriere, realizzazione per la quale è previsto un arco di tempo di 510 giorni (il bando prevedeva 600 giorni di lavoro e 90 di progettazione). Sempre in tema di lavori, il Consiglio – nella seduta odierna -  ha approvato l’atto aggiuntivo alla convenzione sottoscritta con la provincia di Venezia per la gestione del nuovo raccordo di Marcon, la cui apertura al traffico è prevista per giovedì 26 febbraio.

Altro intervento, sempre in tema di barriere ma di sicurezza, questa volta, la riqualificazione di quelle “bordo ponte” sui manufatti della A28, un lavoro  il cui bando di gara prevedeva un impegno di 4 milioni 161 mila euro. L’intervento è stato affidato all’impresa Pbs srl (di San Giovanni Lupatoto in provincia di Verona) in Ati con Sitt srl e Sise srl che ha presentato un’offerta per 2 milioni 922 mila euro. Ultimo punto trattato oggi, i lavori di realizzazione del telepedaggio per quanto riguarda la parte software e hardware.

L’appalto, in questo caso è stato vinto dall’impresa Autostrade Tech spa (con sede legale a Roma) in Ati con Sinelec spa che, a fronte di un importo a base d’asta di 2 milioni 164 mila euro, si è aggiudicata l’intervento con un’offerta pari a 1 milione 989 mila euro.

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Autovie Venete, 7 milioni di euro per le barriere fonoassorbenti a Duino Aurisina
TriestePrima è in caricamento