menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay

Sintomi d'infarto alla guida: salvato dalla Polizia locale

Lo scorso lunedì in via Coroneo verso le 12:00, il conducente che transita al fianco del veicolo d'ordinanza attira l'attenzione della pattuglia e chiede aiuto: lamenta sintomi che potrebbero essere riconducibili ad un infarto

La Polizia Locale deve avere le cognizioni sufficienti a rispondere adeguatamente ad ogni necessità, a partire dal soccorrere le persone colte da malore: tutto il personale è istruito sulle tecniche di primo soccorso e frequenta periodicamente i corsi di aggiornamento. Ma l'impatto emotivo di fronte ad un'emergenza deve essere comunque gestito con presenza di spirito e professionalità.

La pattuglia che transitava in via Coroneo lo scorso lunedì ha avuto modo di applicare le proprie competenze aggiungendo una buona dose di sangue freddo ed umanità. Sono da poco passate le 12:00, il conducente che transita al fianco del veicolo d'ordinanza attira l'attenzione della pattuglia e chiede aiuto: lamenta sintomi che potrebbero essere riconducibili ad un infarto.

Senza perdere tempo i due operatori fanno accostare in sicurezza il veicolo e, allo stesso tempo, allertano i soccorsi sanitari specificando i sintomi e l'urgenza. Nell'attesa suggeriscono all'uomo una posizione che agevoli la circolazione del sangue e cercano di tranquillizzarlo, avvisando la moglie al cellulare; in pochi minuti arriva l'ambulanza, i sanitari confermano l'emergenza cardiaca e ripartono subito dopo averlo sistemato sul mezzo, a sirene spiegate.

La pattuglia resta in via Coroneo ancora un po', fino all'arrivo di una persona di fiducia alla quale affidare il veicolo. Poi, continua il normale servizio di controllo del territorio.

Argomenti
Condividi
In Evidenza
social

Giro d'Italia 2021: tre le tappe in Friuli Venezia Giulia

Ristrutturare

Superbonus 110%: i lavori necessari per richiedere l'incentivo

Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

TriestePrima è in caricamento