Quattro cani azzannano giovane fotografa nel suo giardino a Capodistria

A riportare la notizia è il Primorski Dnevnik. La 45enne di Bonini (vicino a Capodistria) ha pubblicato le foto delle ferite sul proprio profilo Facebook. Nei guai un giovane di 29 anni padrone dei cani di razza Kangal

Quattro cani hanno attaccato e ferito una casalinga di 50 anni nel suo cortile di Bonini, vicino a Capodistria la mattina di Natale. A riferirlo è il Primorski Dnevnik, il quotidiano sloveno di Trieste. Secondo il PD, V.K. (queste le iniziali della donna ndr) avrebbe notato i quattro pastori kangal liberi da guinzaglio nel suo giardino di casa e accompagnati dal loro padrone, un ragazzo di 29 anni. 

La signora l'avrebbe quindi avvisato senza riuscire però a difendersi dall'attacco di uno dei cani. Subito dopo aver subito il primo morso, sarebbero sopraggiunti gli altri tre, che avrebbero continuato a mordere la signora di 45 anni, designer e fotografa. I morsi dei kangal, una razza originaria dell'Anatolia, avrebbero raggiunto la 45enne slovena sulle braccia, sulle gambe e sul busto. Sempre secondo la fotografa, i cani avrebbero avuto circa 45 chili l'uno. 

La Polizia slovena ha definito le ferite "lievi". V.K. è stata comunque portata all'ospedale di Isola. Il padrone dei cani adesso rischia grosso. Oltre all'ispezione veterinaria alla quale verranno sottoposti i cani, il giovane di 29 anni dovrà rispondere dei fatti di fronte alla legge. 

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Individuare i primi segnali di una polmonite con il saturimetro: come funziona e i migliori modelli

  • Rischio zona rossa, ecco l'ordinanza Fvg: no caffè fuori dai bar e stop ad allenamenti

  • Il Friuli Venezia Giulia rischia la zona rossa

  • Covid, morire a 45 anni: il pizzaiolo Abbas lascia cinque figli e la moglie

  • La Regione valuta la stretta: nel mirino il caffè fuori dai bar e le cene tra amici

  • Famiglia "picchiatrice" entra in casa di una coppia e la pesta a sangue: quattro arresti

Torna su
TriestePrima è in caricamento