Domenica, 19 Settembre 2021
Cronaca

Bagno di folla per la "prima" a Trieste degli Spritz for Five (FOTO e VIDEO)

17.29 - Oltre 500 fans (tra adulti e ragazze/i) dentro e fuori il punto Enel di Galleria Tergesteo. Obiettivo Sanremo?

Bagno di folla per la prima esibizione a Trieste degli Sprtiz for Five, nel punto Enel sito in Galleria Tergesteo. Oltre 500 persone hanno assistito alle performance dei magnifici cinque, reduci dalla partecipazione al talent targato Sky X-Factor, terminata la scorsa settimana con l’eliminazione proprio a metà gara. Grande cornice di pubblico quindi oggi pomeriggio, tant’è che gli Spritz (che hanno anche dimostrando una già buona presenza sul palco e capacità di interazione con il pubblico) hanno concesso il bis a tutti coloro che erano rimasti fuori e non hanno potuto stare in contatto diretto con i loro beniamini.

Centinaia i selfie scattati e gli autografi realizzati a tutti i presenti, cui spiccavano un folto numero di ragazze, ma anche gli adulti non si sono fatti mancare, a simbolo che la loro musica piace ad un pubblico eterogeneo di persone.

Prima del concerto gli Spritz hanno raccontato a Triesteprima che «Siamo tornati da pochi giorni nella nostra realtà, anche se non siamo visti come quelli di prima. Abbiamo conosciuto persone meravigliose a Milano durante X-Factor ed abbiamo vissuto un’esperienza incredibile». Sulle possibilità di concerti o serate sottolineato come «c’è ancora in essere un contratto blindato con Sky ma possiamo organizzare qualche serata sempre con il benestare della casa madre».

Sul loro giudice Morgan, croce e delizia del programma, fanno sapere che «lui ha intrapreso con noi un percorso che non puntava al pubblico quanto piuttosto a farci crescere come singoli e come artisti. Ci ha dato delle canzoni con un certo obiettivo. Ad esempio con a prima canzone l’obiettivo era farci andare a tempo: la richiesta di Morgan era quella che la melodia proposta al pubblico dovesse essere uguale identica all’originale».

Viene evidenziata l’atmosfera familiare della produzione: «Siamo tornati ieri in trasmissione ed è sembrato di tornare a casa. Vogliamo sottolineare la dimensione umana di tutti i collaboratori che lavorano all’interno del programma. Sono tutti molto bravi, preparati, una vera fucina di talenti e professionisti radunati tutti assieme».

Sulle loro previsioni di vittoria gli Spritz non si sbilanciano affermando che «i concorrenti all’inizio erano dodici, tutti molto diversi tra loro. Al momento regna l’equilibro, difficile fare previsioni su chi vincerà. Nessuno al momento può sentirci vincitore né tantomeno sicuro di rimanere in gara la settimana successiva. Ogni settimana è una gara a sé. Proprio per questa grossa differenza di generi proposti dai concorrenti non abbiamo un’idea univoca di gruppo sul preferito. È soggettivo ed ognuno di noi ha una propria idea personale. Vogliamo dire che si c’è una gara, ma c’è una grande famiglia dietro».

Sulle dichiarazioni rilasciate proprio su di loro a Triesteprima da Arisa, già giudice per due anni ad X-Factor, che li ha definiti «molto originali, ma acerbi», gli Spritz concordano: «Acerbi è l’aggettivo giustissimo. Il gruppo è nato un anno fa ma questa formazione si è formata due mesi prima del via ufficiale del programma. Fortunatamente siamo giovani e siamo consapevoli di avere molta strada da fare e ampi margini di crescita. Siamo contenti che ha voluto sottolineare che bisognerebbe sempre rispettare l’indole dell’artista».

Sulla polemica sorta in rete dopo la messa in onda della fase finale delle eliminazioni, dopo le loro dichiarazioni nel backstage durante l’esibizione di Cecco e Cipo fanno sapere che non c’era alcuna malizia. La produzione ci aveva chiesto esplicitamente di commentare le diverse esibizioni, Noi non ne sapevano niente di ciò in quanto siamo vissuti per 40 giorni nel loft. Solo dopo la nostra uscita siamo venuti a saperlo. Noi non li odiamo e conosciamo la loro canzone a memoria, considerando che la cantavamo sempre durante la nostra permanenza in trasmissione».

Infine Spritz, obiettivo Sanremo? «Siamo cresciuti con questa rassegna canora, magari ci chiamassero. Se ricevessimo un invito del genere ci metteremmo a piangere. Le audizioni sono chiuse per cui è impossibile partecipare alla prossima rassegna. Sarebbe comunque un’impresa ardua perché ci vuole preparazione e pianificazione, piuttosto puntiamo all’edizione del 2016, anche se sinceramente progetti in questo senso non li abbiamo ancora mai fatti».

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Bagno di folla per la "prima" a Trieste degli Spritz for Five (FOTO e VIDEO)

TriestePrima è in caricamento