Banda della Magliana, a Gorizia arriva il boss e pentito Antonio Mancini

L'evento si terrà sabato 19 settembre alle 20:30 presso la sede dell'Associazione Heimat. Il racconto di alcune tra le pagine di cronaca nera più importanti della storia d'Italia

Borgataro di San Basilio, “Accattone” in nome di una grande passione per Pasolini, figura di spicco nella Banda della Magliana, pentito, accompagnatore di disabili, coautore (con la famosa giornalista Rai Federica Sciarelli) di un’autobiografia e autore di romanzi. Antonio Mancini racconta le tante e controverse facce della sua vita all’Associazione Heimat di Gorizia sabato 19 settembre alle 20.30 nella sede del circolo culturale, in via IX Agosto 5. 

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

Il soprannome "accattone" lo si deve al film di Pasolini, che Antonio Mancini scoprì da ragazzino leggendo i suoi libri. Dagli anni di gioventù a San Basilio poi tanta strada, fino ad arrivare ai vertici della criminalità romana e alla Banda della Magliana, organizzazione criminale capace di riunire varie "batterie" della capitale, di arrivare fino alle istituzioni e di condizionare gli affari romani fino ai giorni nostri. Mancini oggi può raccontare pagine nere fondamentali della storia italiana dagli anni Settanta al nuovo millennio. A Gorizia dialogherà con il pubblico a 360 gradi della sua esperienza personale e di periferie. 

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Morto in Costiera, addio al presidente del gattile di Trieste Giorgio Cociani

  • Malore in acqua al Pedocin, morto bagnante di 56 anni

  • Ubriaco spacca una bottiglia sul bancone del bar e aggredisce i colleghi: tassista triestino denunciato

  • Referendum: Trieste la provincia italiana con la più alta percentuale di no

  • Scomparsa nel 2019, il suo cadavere a Miramare sette mesi dopo: la vittima si chiamava Karin Furlan

  • Incidente in galleria Carso: quattro auto coinvolte e strada chiusa

Torna su
Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...
TriestePrima è in caricamento