rotate-mobile
Sabato, 18 Maggio 2024
Il processo / Barriera Nuova - Città Nuova / Foro Ulpiano

Banda dei Rolex verso la sentenza: il Pm chiede condanne fino a 10 anni

Quattro imputati hanno chiesto il patteggiamento, tre il rito abbreviato e uno, l’albanese K.L., è tuttora irreperibile. Si andrà a sentenza il 13 maggio

TRIESTE - Condanne fino a 10 anni per gli otto imputati appartenenti alla Banda dei Rolex: è quanto richiesto dal Pm Lucia Baldovin nell’odierna udienza preliminare, in cui quattro imputati hanno chiesto il patteggiamento, tre il rito abbreviato e uno, l’albanese K.L., è tuttora irreperibile. In particolare per L.A., la 37enne residente a Trieste, ex compagna di K.L. e insieme a lui accusata di essere la mente delle efferate rapine, sono stati chiesti 10 anni, e così per A.N., 39enne albanese che avrebbe partecipato a tre rapine, mentre per E.S, 39enne calabrese che sarebbe implicato in altri due episodi, sono stati chiesti 9 anni e 4 mesi. Le rapine La sentenza sarà emessa con ogni probabilità nella prossima udienza, fissata per il prossimo lunedì 13 maggio.

I risarcimenti richiesti dalle parti civili vanno da qualche decina di migliaia di euro fino a quasi 200mila euro. Nell’odierna udienza è stata sentita in incidente probatorio anche L.A. e suo figlio. La donna è difesa dagli avvocati Antonio Santoro e Antonio Baici, che hanno chiesto il rito abbreviato condizionato alla deposizione del figlio per dimostrare asseriti maltrattamenti all’imputata da parte dell’ex compagno nel periodo della convivenza. In merito a questo, la 37enne ha anche depositato anche una querela. Tra le sue accuse anche quella di tentato omicidio per la rapina avvenuta a Rupinpiccolo nel gennaio del 2023 e, nel dettaglio, la donna è accusata di aver contribuito ad accompagnare sul posto il compagno, a sua volta accusato di aver esploso il colpo di pistola che ha raggiunto al collo l'imprenditore triestino Fabio Galgaro. 

Presenti anche alcune vittime delle rapine, alcune di queste difese dagli avvocati Antonio Cattarini, Mariapia Maier e Jennifer Schiff, che dichiarano: “È emerso in udienza tutto il trauma e la sofferenza subita dai nostri clienti in attuazione di un’azione immotivatamente violenta e pericolosa che lascerà segni indelebili nelle loro vite".

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Banda dei Rolex verso la sentenza: il Pm chiede condanne fino a 10 anni

TriestePrima è in caricamento