Cronaca

Dobialab riparte con gli eventi e lancia il bando per gli artisti under 35

I candidati dovranno proporre un’opera d’arte multimediale. Tema della XIX edizione del Festival DobiArtEventi (DAE) è il rapporto tra uomo e acqua.

Prende il via oggi la call di Dobialab rivolta a tutti gli artisti under 35 che abbiano voglia di mettersi alla prova e di proporre un’opera d’arte multimediale. Il progetto dovrà essere in linea con la XIX edizione del Festival DobiArtEventi (DAE) che si concentra questa volta sul rapporto tra uomo e acqua.

Festival DobiArtEventi

In seguito a un lungo silenzio dovuto alla situazione pandemica in atto, l’Associazione Culturale Gruppo Area di Ricerca Dobialab di Staranzano riprende le proprie attività culturali e gli appuntamenti del Festival, che si erano svolti in minima parte tra settembre e ottobre a Sagrado e a Dolegna del Collio prima che le nuove misure di contenimento dell’emergenza Covid-19 bloccassero nuovamente tutte le manifestazioni culturali. L’intenzione dell’associazione è quella di rilanciare la XIX edizione di DobiArtEventi proprio con un’istallazione o una performance multimediale, promuovendo l’interazione tra media e linguaggi differenti: performance, videoproiezioni, fotografie, parole, suoni, testi. L’evento si svolgerà nei laboratori creativi di Dobialab in via Vittorio Veneto 32 a Dobbia di Staranzano tra il 23 e il 30 giugno. In caso di restrizioni l’iniziativa verrà comunque divulgata attraverso i mezzi digitali e i canali social dell’associazione. Gli artisti che presenteranno la propria candidatura dovranno infatti tenere conto anche di forme e modalità alternative di esposizione o esecuzione del proprio progetto artistico nel caso in cui non fosse possibile svolgere l’evento in presenza.

Il tema

Le canditure sono aperte a singoli, gruppi o collettivi di artisti tra i 18 e i 35 anni di qualsiasi nazionalità. I partecipanti dovranno proporre una creazione multimediale originale sul rapporto tra uomo e acqua, in linea con le domande che si è posto il direttivo nello sviluppare il tema della XIX edizione di DAE: «Che rapporto abbiamo con l’acqua? Come ha determinato lo sviluppo della società nel nostro territorio? Come ce ne siamo serviti nel passato e come continuano ad usufruirne le realtà produttive? Come possiamo conoscere e dunque preservare questo elemento vitale per l’essere umano, partendo dall’ambiente che ci circonda?». Riflessioni che il direttivo di Dobialab ha potuto fare vivendo in un territorio come il Friuli Venezia Giulia, dove le attività produttive dell’uomo, la sua storia, lo sviluppo scientifico e l’ambiente sono strettamente legati all’elemento dell’acqua.

Gli eventi in programma

Quest’anno la novità della XIX edizione di DAE risiede nello svolgimento di eventi in locations inconsuete, dove promuovere le arti multimediali e stringere nuovi legami e collaborazioni con diverse realtà culturali nazionali e internazionali. In seguito all’installazione o alla performance di fine giugno, gli appuntamenti di DobiArtEventi si svilupperanno nel corso dell’estate all’interno di un itinerario di luoghi legati all’acqua in Friuli Venezia Giulia nei comuni di Gradisca d’Isonzo (GO), Torviscosa (UD), Villa Vicentina (UD), Trieste, Marano Lagunare (UD). Un appuntamento si svolgerà poi fuori regione a Venezia, mentre altri due eventi di respiro internazionale si terranno a Vrhnika in Slovenia e a Den Haag nei Paesi Bassi. Concerti, teatro, danza, installazioni, performances, incontri, conferenze, visite guidate e passeggiate naturalistiche saranno le principali componenti degli eventi del festival multimediale di Dobialab quest’estate.

Come partecipare alla selezione

Il bando di partecipazione all’installazione o performance multimediale all’interno del Festival DobiArtEventi si trova sul sito dell’associazione www.dobialab.net. Le candidature dovranno essere inviate tramite email a in@dobialab.net entro e non oltre il 12 maggio con i seguenti allegati: copia di un documento d’identità in corso di validità del partecipante o del rappresentante in caso di gruppi; scheda di iscrizione allegata nel sito; una descrizione del progetto lunga massimo 2000 caratteri; 1 video o da 1 a 3 immagini capaci di illustrare il progetto; indicazione dei tempi necessari per l’allestimento e realizzazione dell’opera; scheda tecnica dettagliata e una biografia di massimo 1000 caratteri. Bando e allegati sono reperibili al link: https://drive.google.com/drive/folders/1kZYiJpzC0YX64vLjLKECmwmuvP-p2gXo.

Tutti i progetti proposti saranno poi valutati da una commissione artistica composta dal comitato scientifico del Festival e l’opera vincitrice sarà resa nota entro il 19 maggio tramite email al vincitore o ai vincitori e la comunicazione verrà pubblicata anche sul sito. All’autore o autori del progetto selezionato sarà corrisposto un compenso lordo di 1.200 euro per il lavoro svolto. Si ricorda che la XIX edizione del Festival DobiArtEventi è stato organizzato da Dobialab con il sostegno della Regione Friuli Venezia Giulia, con il partenariato dei Comuni di Sagrado, Torviscosa, Dolegna del Collio, con il Planetario Venezia e con il Museo Vrhnika. Hanno collaborato alla realizzazione della manifestazione anche il Comune di Staranzano, la BCC Staranzano-Villesse, il Molino Tuzzi, Hybrida e il CID. Per maggiori informazioni sul bando e le attività dell’associazione Dobialab si può consultare il sito www.dobialab.net, le pagine social di Facebook e Instagram o scrivere una mail a in@dobialab.net.

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Dobialab riparte con gli eventi e lancia il bando per gli artisti under 35

TriestePrima è in caricamento