menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay
Foto Giovanni Aiello

Foto Giovanni Aiello

Barcolana è anche cultura: nasce il festival letterario che racconta il mare

Viaggi e mari, racconti, disegni, storie e persone: il Festival “Barcolana - Un mare di racconti” parlerà di cultura del mare. Dal 2 al 6 ottobre al Castello di San Giusto. Attesi ospiti da Europa e Italia

Barcolana da quest'anno è anche sinonimo di cultura. E' stata presentata venerdì, infatti, al Museo d’Arte Orientale di Trieste, la prima edizione del Festival letterario “Barcolana – Un mare di racconti”, organizzato con il contributo della Fondazione CRTrieste e del Comune, una delle iniziative più rilevanti del calendario di Barcolana51 presentata da Generali, allo scopo di avvicinare il pubblico ai viaggi e alla cultura del mare. Sono intervenuti l’assessore comunale alla Cultura ed Eventi Giorgio Rossi, il presidente della Società Velica Barcola Grignano organizzatrice della Barcolana, Mitja Gialuz, la presidente della Fondazione CRTrieste, Tiziana Benussi e il direttore artistico del Festival Alessandro Mezzena Lona.

Jan Broken, Stefania Auci, Catherine Poulain, Stefano Mancuso, Romana Petri, Marco Missiroli, Bronja Zakelj, Pupi Avati, Giulio Cavalli, Chiara Rapaccini, Andrea Maggi, Enrico Galiano e altri ancora. Sono i grandi nomi della letteratura italiana e internazionale che saranno al Castello di San Giusto nel corso del Festival che si svolgerà da mercoledì 2 ottobre fino a domenica 6 ottobre. Da un’idea nata dal libro scritto in occasione del Cinquantesimo anniversario della Barcolana “Un mare di racconti”.

“Trieste vive la Barcolana come uno degli eventi più importanti nel corso dell’anno e questo Festival culturale, grazie alle sinergie messe in atto tra enti e istituzioni, anche attraverso i contenitori culturali – ha sottolineato l’assessore Giorgio Rossi - vuole contribuire ulteriormente ad accrescere lo spessore di una manifestazione velica sportiva che è diventata un punto di riferimento di spicco a livello internazionale. E soprattutto puntare a coinvolgere i giovani, nostro futuro, in un momento molto favorevole in termini di prospettive di sviluppo economico, turistico, culturale che sta vivendo la nostra città”.foto6sett-2

Per la Barcolana 50 +1 - ha dichiarato il Presidente della Società Velica di Barcola e Grignano, Mitja Gialuz - avevamo annunciato importanti giri di boa e novità pronte a innovare l’evento. “Barcolana - Un mare di racconti” è senza dubbio una di queste, l’evento è uno spin-off di Barcolana, che guarda al futuro in sinergia con il nuovo sviluppo letterario della città. Il libro edito nel 2018 aveva costruito un nuovo spirito attorno alla regata, messo assieme voci e punti di vista sulla vela e il viaggio: un’esperienza importante e quasi magica, cui volevamo, con Alessandro Mezzena Lona che ne aveva curato il testo e oggi è direttore del Festival, dare seguito. Ne è nato un evento che definirei multicolore: viaggi e mari, racconti, disegni, storie e persone: il Festival parlerà di cultura del mare a tutti, nel modo in cui Barcolana si pone, con semplicità e voglia di coinvolgere il pubblico”.

“Nel costruire un Festival con tanti nomi importanti in pochi mesi – ha spiegato il direttore artistico Alessandro Mezzena Lona – è stata fondamentale per noi un’alleanza preziosissima: Trieste. Tutti gli ospiti invitati, che arriveranno dall’Europa e dall’Italia, hanno accettato subito l’idea di partecipare al nostro progetto con grande entusiasmo. Perché, come ha scritto in una mail lo scrittore olandese Jan Brokken, hanno capito che avrebbero parlato dei loro libri, dei film, in una città che ha ospitato i più grandi artisti del ‘900”.

Argomenti
Condividi
In Evidenza
social

La ricetta della torta mimosa per festeggiare le donne

social

Cucina di mare: la ricetta delle canocie in busara

Cura della persona

Scrub fai da te: la ricetta super naturale per labbra perfette

Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

TriestePrima è in caricamento