"Beccato" con strumenti da scasso dopo il coprifuoco: denunciato e sanzionato

Un triestino di 47 anni è stato notato aggirarsi con circospezione in via Puccini alle 22:30. Aveva in borsa sei cacciaviti, una chiave inglese, due taglierini, una leva in acciaio e un tronchese

Si aggirava con fare sospetto in via Puccini alle 22:30 di ieri sera: aveva la borsa piena di strumenti da scasso. La Polizia di Stato ha denunciato per il possesso ingiustificato di chiavi alterate e di grimaldelli un triestino del 1973, già noto alle forze dell’ordine. Dopo averlo permato mentre cercava di nascondersi tra le auto, gli agenti gli hanno chiesto conto della sua presenza in strada e nello zaino in suo possesso sono stati trovati vari arnesi atti allo scasso, come sei cacciaviti, una chiave inglese, due taglierini, una leva in acciaio e un tronchese. Dopo gli atti di rito è stato deferito alla locale Procura della Repubblica ed è stato anche sanzionato amministrativamente per aver violato il coprifuoco previsto dalla vigente normativa anti Covid-19.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Individuare i primi segnali di una polmonite con il saturimetro: come funziona e i migliori modelli

  • Rischio zona rossa, ecco l'ordinanza Fvg: no caffè fuori dai bar e stop ad allenamenti

  • Covid, morire a 45 anni: il pizzaiolo Abbas lascia cinque figli e la moglie

  • Il Friuli Venezia Giulia rischia la zona rossa

  • Dinner cancelling: come funziona la dieta seguita da Fiorello per dimagrire

  • La Regione valuta la stretta: nel mirino il caffè fuori dai bar e le cene tra amici

Torna su
TriestePrima è in caricamento