menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay
Walter Milocchi, Paolo Polidori e Paolo Jerman. Foto di Stefano Mattia Pribetti

Walter Milocchi, Paolo Polidori e Paolo Jerman. Foto di Stefano Mattia Pribetti

Bilancio Polizia locale: 704 violazioni al regolamento e multe per 4 milioni e 36mila euro

Polidori: «Nuove regole efficaci per garantire decoro. Partito primo provvedimento del Daspo urbano, avanti con l'armamento dei vigili»

Primo bilancio annuale per il nuovo regolamento di Polizia urbana: in tutto 704 le violazioni registrate dalla Polizia locale nel 2017, contro le 106 del 2016. Uno dei dati resi noti nella conferenza stampa di oggi, lunedì 11 giugno, alla presenza del vicesindaco e assessore alla Polizia locale Paolo Polidori, il comandante Walter Milocchi e il vicecomandante Paolo Jerman, tutti e tre recentemente insediati alle rispettive cariche. Numerosi quindi i cambiamenti alla vigilia del 156° anniversario della fondazione del Corpo della Polizia locale, che avrà luogo mercoledì 13 giugno, alle ore 18.00, al Castello di San Giusto.

«I dati dimostrano l'efficacia del nuovo regolamento - ha commentato Polidori - ora abbiamo uno strumento per sanzionare comportamenti dannosi, prima punibili solo tramite ordinanze temporanee. Sono pronto a procedere in continuità con l'operato di Roberti, con un grande corpo di Polizia locale, coeso, organizzato e collaborativo. Proprio lo scorso weekend è stato effettuato il primo provvedimento nell'ambito del Daspo urbano: è stata notificata una trasgressione a un parcheggiatore abusivo e gli è stato imposto l'allontanamento per 48 ore».

«Solo un primo segnale - ha precisato il vicesindaco -, ma ce ne saranno altri, confidando in un ministro dell'interno che ci appoggerà e farà in modo di snellire le pratiche per rendere esecutivi i provvedimenti. Stiamo inoltre lavorando con Roberti per reperire alcuni fondi in grado di armare la polizia locale, condizione necessaria per rendere possibile un presidio sulle 24 ore».

Così ha invece dichiarato Milocchi: «L'età media dei nostri agenti è alta (sopra i 55 anni), e fortunatamente i concorsi pubblici permetteranno di reclutare 9 nuovi agenti per il 2017 e 10 per il 2018. Contiamo di assumerne 19 (circa l'8% del corpo) in un blocco unico entro l'anno, altre 10 posizioni si apriranno nel 2019».

Passando alle cifre comunicate, delle 704 violazioni al regolamento, 323 sono relative ad accattonaggio molesto, 126 al bivacco, 114 ai parcheggiatori abusivi, 12 alla prostituzione (contrattazione di "tariffe" su suolo pubblico).

Sono state invece ben 8.129 le violazioni del codice della strada, di cui 2385 riguardano il superamento dei limiti di velocità, 1380 le mancate revisioni, 1044 il non rispetto dei semafori, 680 le assicurazioni scadute e 500 le velocità pericolose.

Ancora molti gli incidenti in città nell'anno 2017: in tutto 1823 di cui 1031 solo con danni materiali, 786 con lesioni personali e 6 con esito mortale. Tra le cause e i fattori aggravanti più diffusi, l'uso del cellulare alla guida (377 casi), la mancata precedenza ai pedoni  (211) e il mancato uso di cinture di sicurezza (138 multe). In significativo calo, e in sintonia con la tendenza nazionale, i casi di guida in stato di ebbrezza (90).

Le sanzioni al codice della strada sono state 63.399 e di queste quasi 48 mila riguardano il divieto di sosta. Il comandante Milocchi ha inoltre comunicato l'ammontare complessivo delle sanzioni pecuniarie nel 2017, pari a 4 milioni e 36mila euro. Una cifra che corrisponde solo al 65% delle sanzioni applicate, il resto non è ancora stato pagato. Secondo Milocchi «Si tratta di una buona percentuale, considerando che in una città di confine passano molte auto straniere, che spesso lasciano la città senza pagare. Esclusa questa percentuale, possiamo dire che la quasi totalità dei triestini paga». 

Altri numeri: quasi 29 mila telefonate annue gestite dalla sala operativa (con una media di 74 al giorno) e nei servizi ordinari sono state impegnate 39 pattuglie al giorno, mentre servizi speciali sono stati riservati a ben 443 manifestazioni cittadine. I servizi specialistici hanno effettuato oltre 5.700 controlli residenziali, 2100 commerciali, 765 tributari, 334 edilizi e 207 ambientali. L'attività di Polizia giudiziaria ha visto oltre 1100 interventi. Per quanto riguarda invece la "movida", i verbali per trasgressione al nuovo regolamento sno stati 35. Solo 5 o 6, invece, nella prima parte del 2018, ma la stagione "calda", in tutti i sensi, deve ancora iniziare.

Argomenti
Condividi
In Evidenza
social

La ricetta della torta mimosa per festeggiare le donne

social

Tradizioni del Carso: perché andar per osmize

social

Cucina tipica: la ricetta della minestra de bisi spacai

Ultime di Oggi
  • Cronaca

    Da lunedì tutto il Friuli Venezia Giulia torna in zona arancione

  • Cronaca

    Party illegale in viale XX Settembre, sanzionati 16 giovani

  • Cronaca

    Abbandona rifiuti edili a Campanelle: 600 euro di multa

Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

TriestePrima è in caricamento