Cronaca

Bimbo di 6 anni conteso dai genitori: deciderà se vivere con il padre o la madre

Innovativa decisione del Tribunale dei Minori di Trieste: uno psicologo infantile avrà il compito di valutare se il bambino

Un bambino di 6 anni "conteso" tra i due genitori deciderà se vivere in Italia, con il papà, o nel paese di sua mamma, in America latina. È questa la decisione presa dal Tribunale dei minori di Trieste, nell'ambito di un procedimento di affidamento che si trascina da diversi anni tra un padre triestino, che ha in affidamento il figlio, e la madre, originaria di un paese sudamericano, forte di una sentenza di un tribunale del suo Paese secondo il quale il bambino dovrebbe restare oltreoceano.

Una decisione innovativa, quella del Tribunale dei minori triestino, poiché la legislazione italiana, di norma, prevede di sentire l'opinione del bambino solo dopo i 12 anni. In questo caso il Tribunale ha stabilito che si terrà un'udienza per la nomina di uno psicologo infantile che avrà il compito di valutare se il bambino, che vive da quasi quattro anni in Italia con il padre e ha cittadinanza italiana, è in grado di razionalizzare la sua scelta.

Se il professionista valuterà positivamente il bambino allora i giudici si rivolgeranno a lui per capire in che paese deve vivere.

Si parla di
Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Bimbo di 6 anni conteso dai genitori: deciderà se vivere con il padre o la madre

TriestePrima è in caricamento