Un aiuto alle imprese, fino a 4mila euro di contributo regionale: al via le domande online

Un aiuto dalla Regione per sostenere le strutture ricettive turistiche, commerciali e artigianali e dei servizi alla persona, a ristoro dei danni causati dall'emergenza Covid-19, da un minimo di 500 a un massimo di 4mila euro

Un aiuto dalla Regione per sostenere le strutture ricettive turistiche, commerciali e artigianali e dei servizi alla persona, a ristoro dei danni causati dall'emergenza Covid-19, da un minimo di 500 a un massimo di 4000 euro. Da domani sarà possibile presentare la domanda per la misura di sostegno da 34 milioni annunciata il mese scorso. "Quello di domani non sarà un click day -  ha specificato l'assessore regionale alle Attività produttive Sergio Emidio Bini -, ma l'inizio di un arco temporale per presentare le istanze, periodo che si chiuderà il 26 giugno, dando così tutto il tempo agli aventi i requisiti di inoltrare la propria domanda".

I termini

A seguito di un confronto con il governatore Massimiliano Fedriga, la Giunta ha deciso che "verrà data copertura a tutte le domande che saranno pervenute da parte degli aventi diritto". "Garantiamo oggi - assicura Bini -  che tutti coloro che sono in possesso dei requisiti stabiliti dal bando e che avranno inviato regolare domanda, nell'arco temporale che si aprirà domani e si chiuderà il 26, riceveranno il contributo. Non sarà quindi necessario accalcarsi domani a inviare la domanda, intasando i sistemi informatici: ci sarà tutto il tempo fino al 26 giugno".

I dettagli

Ai beneficiari, che devono avere sede legale e svolgere l'attività sul territorio regionale, saranno riconosciuti contributi a fondo perduto da 500 a 4.000 euro secondo tabelle definite di concerto con le associazioni di categoria. I contributi per il settore turistico-ricettivo destinano 4.000 euro a strutture ricettive alberghiere, campeggi, villaggi turistici, marina resort e parchi tematici; 1.400 euro ad agriturismi, rifugi alpini ed escursionistici e bivacchi, agenzie di viaggio e tour operator; 700 a bed and breakfast e affittacamere; 500 a guide turistiche, alpine, speleo, naturalistiche e accompagnatori turistici.

Per il comparto commerciale e artigiano, invece, previsti 1.400 euro per ristoranti, bar, gelaterie e pasticcerie, attività sportive (palestre comprese), scuole guida, gestori carburante, Ncc (bus), agenzie immobiliari, estetica e benessere, commercio al dettaglio diverso dal commercio di generi alimentari; 1000 euro, invece, per il commercio ambulante; 700 per taxi e Ncc (auto), manutenzione e riparazione di autoveicoli e laboratori artigianali; 500, infine, per gli agenti di commercio. Può essere soddisfatta una sola domanda riferita ad un'unica attività. Nel caso pervenga più di una domanda da parte dello stesso richiedente verrà ritenuta ammissibile solo la prima, ovvero, in caso di domande presentate per diverse attività, quella che prevede il contributo più elevato. I contributi sono erogati, anche per il tramite del Cata e del Catt Fvg, sulla base della sola presentazione della domanda secondo l'ordine cronologico determinato dal numero progressivo di protocollo attribuito dal sistema informatico. 

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Covid, Fedriga: “Il Fvg non andrà in zona rossa”

  • Trovata morta in mare a Grignano: aveva 62 anni

  • I migliori panifici di Trieste secondo il Gambero Rosso

  • Covid, Fedriga: "Rt in calo, possibile ritorno in zona gialla dalla prossima settimana"

  • Il Wi-Fi in casa è pericoloso per la salute: l'Iss fa chiarezza

  • Prima neve sul Carso: disagi e mezzi spargisale in azione, a Trieste chiusi i giardini

Torna su
TriestePrima è in caricamento