menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay

Bivacco in piazza sant'Antonio, "blitz" di Polizia e vicesindaco (VIDEO)

Polidori: «Ho parlato con loro, Pakistani arrivati dalla Bosnia. Erano in condizioni igieniche terribili»

Scattato un altro blitz del vicesindaco Paolo Polidori: dopo l'intervento del 24 agosto, con lo sgombero di un gruppo di migranti accampati sulle rive, è ora la volta della chiesa del "Taumaturgo". Sotto i portici dormivano circa una dozzina di persone quando, alle 0:30, è intervenuto il vicesindaco, che ha poi chiamato la Polizia. I migranti hanno quindi obbedito e, con coperte e materassi sottobraccio, si sono trasferiti da un’altra parte.

La dichiarazione

«In seguito ad una segnalazione della Consigliera e amica Luisa Polli - dichiara Polidori - mi sono recato sul sagrato della chiesa di Sant’Antonio: le immagini parlano chiaro, una distesa di persone, alle quali ho fatto presente, come da mio dovere civico di cittadino, che le nostre leggi non permettono di bivaccare, chiamando nel contempo la Polizia, intervenuta in breve tempo».

Tarlao: "Basta teatrini, investire su Polizia"

"Condizioni igieniche terribili"

«Nel frattempo - continua l'esponente della lega -mi sono fermato a parlare con loro: pakistani, sono arrivati dalla Bosnia, di là ce ne sono tantissimi in procinto di partire; il confine orientale è in questo momento l’unico confine aperto, dopo il blocco via mare del ministro Salvini. Le condizioni igieniche di queste persone, poi, erano a dir poco terribili, sia a vista che ad olfatto, cosa che fa sorgere anche pesantissimi dubbi dal punto di vista igienico sanitario, nella salvaguardia della salute dei cittadini».

Migranti dormono a Valmaura

"Palliativi, ma fondamentali"

«So bene che queste azioni sono palliativi - precisa il vicesindaco -, ma è fondamentale il presidio costante del territorio, in vista però di un impegno determinato da parte del Governo, che ha in breve tempo dato ottimi risultati nel settore degli sbarchi: fa però tanta rabbia assistere ai risultati di una politica che sta segnando profondamente la nostra città! Non sarà facile porre rimedio a questo epocale disastro, a questa enorme responsabilità storica della sinistra europea in generale, e di quella italiana in particolare. Ma io ci sono, unitamente chi, come Fedriga, Roberti e Salvini, si impegna ogni giorno per fermare questa invasione: ce la faremo, perché i cittadini ce lo hanno chiesto, ad onta di chi, responsabile del disastro o pavido di natura - conclule -, ha ancora la spudoratezza di additarci come razzisti»

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

Argomenti
Condividi
In Evidenza
social

Fondo Ambiente Italiano: eletto il luogo più bello d'Italia

Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

TriestePrima è in caricamento