"Blitz" Casapound: la Digos perquisisce i militanti, poi sequestra vestiti e cellulari

Gli oggetti sequestrati verranno analizzati per ricostruire l’episodio e chiarire gli aspetti di responsabilità dei singoli partecipanti. Ipotizzata violazione penale, ovvero l’interruzione di pubblico servizio in concorso

Nelle prime ore della mattina le Digos di Trieste, Pordenone ed Udine hanno eseguito perquisizioni nei confronti di militanti di Casapound che, nella giornata del 04 agosto, si sono introdotti nel Palazzo Regionale di Piazza Oberdan interrompendo i lavori della VI Commissione Regionale per leggere un comunicato di aperta critica nei confronti della gestione della politica migratoria.

Il dottor Montrone, della Procura della Repubblica di Trieste, che coordina le attività di indagine, al momento ha ipotizzato la violazione dell’art.340 del Codice Penale, ovvero l’interruzione di pubblico servizio in concorso ed ha disposto che anche la sede del Partito, sita in Via San Zaccaria ed inaugurata nel febbraio del 2019, venisse perquisita alla ricerca di elementi pertinenti al reato. Sono stati sequestrati i capi di abbigliamento utilizzati durante l’azione ed i supporti informatici e telematici in possesso degli indagati che verranno analizzati per ricostruire l’episodio e chiarire gli aspetti di responsabilità dei singoli partecipanti.

Blitz di CasaPound, strascichi personali per Clun: sospeso dal lavoro

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Rischio zona rossa, ecco l'ordinanza Fvg: no caffè fuori dai bar e stop ad allenamenti

  • Covid, morire a 45 anni: il pizzaiolo Abbas lascia cinque figli e la moglie

  • Il Friuli Venezia Giulia rischia la zona rossa

  • Dinner cancelling: come funziona la dieta seguita da Fiorello per dimagrire

  • Caffè, asporto e consumo su suolo pubblico: i chiarimenti sull'ordinanza

  • La Regione valuta la stretta: nel mirino il caffè fuori dai bar e le cene tra amici

Torna su
TriestePrima è in caricamento