rotate-mobile
Il processo / Barriera Nuova - Città Nuova / Foro Ulpiano

"Blocco" della Posta centrale: processo per dieci No Green Pass rinviato

L'udienza è stata rimandata il 17 maggio per il legittimo impedimento di un'imputata a presenziare in aula. I fatti risalgono al primo febbraio del 2022

È stata rimandata al 17 maggio la prima udienza dopo il rinvio a giudizio per 10 imputati accusati di aver "bloccato" la Posta centrale per una protesta organizzata dal Coordinamento No Green Pass. La decisione del giudice Camillo Poillucci si è resa necessaria per il legittimo impedimento di un'imputata a presenziare in aula. I fatti risalgono al primo febbraio del 2022: alcune decine di No Green Pass, tra cui i dieci imputati, sono entrati nell'edificio di piazza Vittorio Veneto, presentandosi allo sportello con la volontà di inviare una raccomandata all'allora presidente del Consiglio Mario Draghi. Nonostante l'obbligo della certificazione verde per entrare nei pubblici uffici, i manifestanti si sono introdotti ugualmente anche se sprovvisti del documento, non essendoci vigilanza all'entrata. Stando a quanto si apprende, al rifiuto dell'addetto allo sportello, i No Green Pass hanno chiesto di parlare con il direttore che, per evitare disordini, ha chiuso l'edificio. Presenti oggi in aula alcuni sostenitori degli imputati e, davanti all'entrata del Tribunale, una ventina di manifestanti del Coordinamento No Green Pass hanno organizzato un presidio contro un presunto "accanimento giudiziario".

9DBDB5D2-9471-45B3-9F7E-407BFB2C53DB

In Evidenza

Potrebbe interessarti

"Blocco" della Posta centrale: processo per dieci No Green Pass rinviato

TriestePrima è in caricamento