Sottoterra da oltre 70 anni, a Opicina spunta una bomba a mano inesplosa

Sono stati gli operai di un cantiere edile a trovarla. Sul posto una Volante e gli artificieri. Operazione delicata, pessimo lo stato di conservazione

Ieri pomeriggio gli artificieri del Nucleo regionale della Polizia di Stato hanno rimosso con una certa difficoltà una bomba a mano e portata in zona di sicurezza per il brillamento. L’ordigno, modello inglese MILLS N36, è stato rinvenuto da alcuni operai all’interno di un cantiere edile a Opicina, inglobato all’interno di un albero che stavano per estirpare. È stato informato il 112 e sul posto si è recata una Volante del Commissariato di P.S. di Duino Aurisina che ha messo in sicurezza l’area in attesa dell’arrivo degli specialisti. L’operazione è risultata alquanto delicata visto il pessimo stato di conservazione della bomba a mano e complicata avendo dovuto gli artificieri tagliare parti dell’albero per estrarla.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Incidente mortale davanti al Red Baron: deceduta una ragazza di 22 anni

  • Stop al pieno oltre confine: la Slovenia mette il Fvg in zona rossa

  • La Slovenia blocca i viaggi all'estero

  • Il ricordo di Sara, vittima della strada a soli 22 anni: "Un'anima pura"

  • Scuole, didattica a distanza al 50%: la nuova ordinanza di Fedriga

  • Nuovo Dpcm: bar e ristoranti chiusi dopo le 18, stop alle palestre

Torna su
Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...
TriestePrima è in caricamento