menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay

Bomba inesplosa spunta nel Porto di Monfalcone

L'ordigno, presumibilmente una granata, è stato messo in sicurezza.

Si sono svolte nella mattinata odierna le operazioni di messa in sicurezza di un residuato bellico inesploso. L’ordigno, presumibilmente una granata, è stato rinvenuto nella serata di ieri, 8 aprile, da alcuni cittadini nel Porto di Monfalcone in un’area poco frequentata. Grazie alla sinergia tra enti istituzionali e sotto il coordinamento della Prefettura di Gorizia, è stato possibile intervenire tempestivamente. Il personale della Capitaneria di porto di Monfalcone ha dato supporto sul luogo dell’intervento ai militari del 3° Reggimento Genio Guastatori di Udine, mentre la cornice di sicurezza sanitaria è stata assicurata dalla SORES.

Sono numerosi i residuati bellici storicamente recuperati nel porto ed in generale sul litorale del Compartimento marittimo di Monfalcone. Si sensibilizzano tutti i cittadini che, in caso di avvistamento di oggetti che potrebbero sembrare residuati bellici inesplosi, sia in acqua che sulla battigia, è assolutamente opportuno non toccarli in alcun modo e contattare subito la Capitaneria o il 112.

Argomenti
Condividi
In Evidenza
social

Cosa non regalare mai per la Festa della mamma e perché

social

Festa della mamma: consigli e idee regalo

social

"Buon viaggio 'doc'": l'ultimo saluto di Manuel al medico che gli salvò la vita

Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

TriestePrima è in caricamento