Cronaca

Burlo, bambini ricoverati incantati da due "cantastorie"

Due musicisti e un orso di peluche, riuniti insieme per raccontare favole, sono approdati oggi al Burlo e hanno accompagnato i bambini ricoverati in ospedale in un viaggio nella Venezia antica

Due musicisti e un orso di peluche, riuniti insieme per raccontare favole, sono approdati oggi al Burlo e hanno accompagnato i bambini ricoverati in ospedale in un viaggio nella Venezia antica: fate, streghe, re e regine, draghi, orchi e bambini “fior di pianta” sono stati i protagonisti della storia che ha incantato per più di un'ora i piccoli pazienti dell'ospedale materno infantile.

Lo spettacolo “Le streghe di Venezia” si inserisce nell'ampio calendario del Festival Internazionale di Musica Antica Wunderkammer, che culmina con la Giornata Europea della Musica Antica e Giornata Mondiale della Poesia il 21 marzo, primo giorno di primavera.

Appassionati di musiche e luoghi d'altri tempi, i due musicisti e ideatori del progetto, Sara Mancuso e Matteo Zenatti, si sono ispirati all'opera di Philip Glass, tratta dalla favola di Beni Montresor, colorandola con sonorità di strumenti antichi e creando uno spettacolo appositamente per i bambini del Burlo.

Con i loro strumenti - arpe, organetti, claviciteri, tamburi – e con l'aiuto del loro amico orso, il peluche viaggiatore, hanno raccontato una storia proveniente da tempi lontani, con il sapore dei vecchi cantastorie. Uno spettacolo per recuperare le tradizioni sonore di epoche normalmente non considerate quando si ha a che fare con bambini, e per inserirle in narrazioni di storie legate al mondo della natura e del risveglio primaverile.

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Burlo, bambini ricoverati incantati da due "cantastorie"

TriestePrima è in caricamento